Quantcast
facebook rss

Vertenza Whirlpool, il Pd richiama al dovere la Regione: «Esplicito sostegno alle azioni di protesta dei sindacati»

CRISI - Il gruppo dem non è soddisfatto della risposta dell'assessore regionale Aguzzi, sull'assenza dell'azienda al tavolo del Mise: «Non sono sufficienti le parole, dovete indurre la proprietà a spiegare quali sono le prospettive di medio periodo per gli stabilimenti di Fabriano e Comunanza»
...

 

Gli assessori regionali Castelli e Aguzzi, con il presidente Acquaroli, a Comunanza, all’incontro promosso a luglio dal sindaco Alvaro Cesaroni

 

 

Vertenza Whirlpool, l’assenza dell’azienda all’incontro del Mise dello scorso 28 settembre è arrivato sul tavolo del Consiglio regionale, con un interrogazione del Partito democratico.

A rispondere, l’assessore Stefano Aguzzi, presente al Ministero, insieme con i sindacati ed i rappresentanti del Governo e delle Regioni in cui sorgono stabilimenti del colosso americano degli elettrodomestici, come le Marche che hanno siti ad Ancona e Comunanza.

 

Ma la risposta di Aguzzi – «di fronte a questo scenario potenzialmente devastante, non ha fatto altro che ricordare il tavolo del 28 settembre»– non ha soddisfatto i consiglieri regionali di opposizione che chiedono alla Regione un intervento più incisivo, condannando il comportamento di Whirlpool.

L’azienda – per i dem – ha confermato «»la censurabile linea tenuta in questi mesi: silenzio, indisponibilità al dialogo, mancanza di chiarezza e trasparenza sugli intendimenti futuri. Un comportamento inaccettabile, che ha portato all’esasperazione le maestranze, inducendo i sindacati a dichiarare una mobilitazione che si articola con varie iniziative tra le quali il blocco degli straordinari e 4 ore di sciopero e che non avrà termine fino a quando non ci sarà un confronto serio con la proprietà«».

 

A tal proposito, dalla Regione Marche,  «ci aspettiamo – si legge in una nota del Partito democratico – un esplicito sostegno alle iniziative di protesta promosse dai sindacati e un’azione forte per indurre Whirpool a incontrare le parti sociali e i rappresentanti istituzionali: la proprietà ha il dovere di spiegare quali sono le prospettive di medio periodo per gli stabilimenti di Fabriano e Comunanza.

Non si può continuare a rimanere nell’incertezza, tanto più in quanto si ha la sensazione che si voglia far trovare i lavoratori di fronte al fatto compiuto della cessione, senza aver chiarito preliminarmente chi sarebbero i nuovi acquirenti e con quale piano industriale.

Non sono sufficienti le parole, non si può solo prendere atto della mancata volontà di interloquire di Whirpool né tantomeno è lecito minimizzare dichiarando che la crisi è solo “possibile” o “eventuale”: chiediamo al contrario una presa di posizione netta e l’attivazione di tutti i canali per dare soluzione alla questione.

 

Infine l’attacco alla Regione: «Purtroppo fino ad oggi abbiamo visto solo passerelle di Acquaroli e degli assessori candidati alle politiche che assicuravano ai dipendenti attenzioni e azioni concrete, come a Comunanza. Ora che governano, Regione e Stato hanno la responsabilità di mantenere le promesse fatte».

Whirlpool, i sindacati: «Troppe le domande senza risposta, mobilitazioni in attesa di un confronto»

Whirlpool, partono le mobilitazioni sindacali mentre Ciccioli invoca un fronte comune per la vertenza

Whirlpool, l’azienda grande assente all’incontro al Mise: la condanna dei sindacati

Whirlpool, i sindacati: «Il Governo ci sostenga nel pretendere un confronto sul futuro»

Whirlpool, Acquaroli a Comunanza: «La Regione sentinella attenta»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X