Quantcast
facebook rss

Ascoli-Spezia 3-1, la vittoria del cuore
I bianconeri si lanciano verso i playoff
con un gol-lampo per tempo

SERIE B - Partita per cuori forti rovinata da un arbitraggio a dir poco imbarazzante: Illuzzi non ne ha azzeccata una. Ardemagni festeggia il 100° gol in B dopo cinquanta secondi. Cavion lo imita al 40° secondo della ripresa. Poi il doppio giallo in due minuti a Ninkovic che cambia la gara e stravolge i piani di Vivarini, bravo però ad apportare correzioni in corsa. Lo Spezia ci crede, accorcia, poi resta in dieci e sfiora addirittura il pari. Nel recupero finale il tris di Padella che si fa ottanta metri da solo e fa impazzire il "Del Duca". Bianconeri al 7° posto
...

di Andrea Ferretti 

Nessuno dei 5.500 spettatori all’intervallo avrebbe mai creduto che nella ripresa potesse accadere di tutto. E di tutto è successo. A partire dal gol da antologia di Cavion (terzo centro stagionale, anche questo pesantissimo), alla successiva espiulsione da record di Ninkovic che in un centinaio di secondi ha rimediato (sbagliando gravemente, soprattutto sul secondo giallo, sapendo di essere nel mirino) un rosso che ha stravolto l’Ascoli e la partita. Ma Vivarini non s’è perso d’animo, è passato a un saggio 4-4-1 e poi ha inserito forze fresche nei punti giusti. Lo Spezia, che dopo 40 secondi della ripresa poteva anche tornarsene a casa, ha capito che la strada era spianata. E infatti ha accorciato, poi ha sfiorato il 2-2 dopo che nel frattempo i conti erano stati ristabiliti (dieci contro dieci) con il rosso diretto a Bidaoui. Alla fine gioisce l’Ascoli che mostra grinta e orgoglio fuori dal comune.

Avremmo parlato sicuramente di una bella partita, se non ci fosse stato un imbarazzante arbitraggio. Illuzzi non ne ha azzeccata una, su entrambi i fronti, incattivendo la gara che a un certo punto gli è sfuggita di mano. Ha cercato di rimediare estraendo cartellini qua e là, tra cui uno rosso con cui, buon per l’Ascoli, ha espulso Bidaoui grazie anche a Troiano e alla sua esperienza da vendere. Sull’ammonizione di Lanni resta il mistero. Se il portiere gli ha detto qualcosa (ma che interesse avrebbe avuto a pochi minuti dalla fine sul 2-1?) il giallo può starci. Altrimenti significa che lo ha ammonito perchè perdeva tempo nel rinviare. Un particolare, però: il gioco era fermo perchè c’era una sostituzione in corso. Quello che conta alla fine sono comunque i tre punti che, dopo il pareggio di Pescara, lanciano l’Ascoli verso i playoff (7° posto in attesa che si chiuda il turno con le altre sfide). Lo Spezia, sceso in campo senza alcuni titolari importanti e addirittura con un uomo in meno in panchina, si lecca le ferite ma non può recriminare nulla.

Cinquanta secondi e l’Ascoli va in gol con Ardemagni al suo terzo centro stagionale, centesimo in B. Al 26′, servito da Cavion (che partita!) potrebbe raddoppiare ma è bravo Lamanna. Riecco poi Cavion all’alba del secondo tempo, quindi la frittata di Ninkovic. Al 23′ il rosso a Bidaoui, al 25′ l’occasione sciupata da Okereke che avrebbe mandato in tilt l’Ascoli. Non si gioca più, l’arbitro va in bambola e si sveglia solo nel finale quando Padella si fa una ottantina di metri da solo, prima sbagliando il controllo davanti a Lamanna, poi riagguantando la sfera e segnando e infine beccandosi un cartellino perchè si toglie la maglia per festeggiare.

ASCOLI (4-3-1-2): Lanni; Laverone (14’st Kupisz), Brosco, Valentini, De Santis; Addae, Troiano, Cavion; Ninkovic; Ngombo (14’st Padella), Ardemagni (41’st Rosseti). A disposizione: Perucchini, Bacci, Quaranta, Carpani, Casarini, Parlati, Frattesi, Beretta, Sarli. Allenatore: Vivarini.

SPEZIA (4-3-3): Lamanna; Vignali, Capradossi, Giani, Augello; Bartolomei (30’st Pierini), Ricci, Mora (41’st De Francesco); Gyasi (41’st Gudjohnsen), Okereke, Bidaoui. A disposizione: Manfredini, Barone, Crivello, Terzi, Bastoni, De Col, Acampora, Bachini. Allenatore: Marino.

Arbitro: Illuzzi di Molfetta (assistenti Fiore e Macaddino, quarto ufficiale Dionisi).

Reti: 1’pt Ardemagni (A), 1’st Cavion (A), 11’st Okereke (S), 48’st Padella (A).

Note: spettatori paganti 1.860 per un incasso di 15.286; abbonati 3.571, quota 23.971. Espulsi 4’st Ninkovic (A) per somma di ammonizioni, 23’st Bidaoui (S) per fallo a gioco fermo. Ammoniti Okereke (S), Lanni (A) e Padella (A) per comportamento non regolamentare, Rosseti (A) per gioco scorretto. Angoli 9-2 per lo Spezia. Recuperi: 2’+6′. 

LA FOTOGALLERY DI EDO

 

Padella: «Gol bello e fortunato» Ardemagni: «Sono molto contento»

Ninkovic a rapporto da Vivarini «Mi raccomando sempre con lui»

Ardemagni entra nel club dei centenari Ninkovic, l’espulsione poteva costare caro

Marino senza peli sulla lingua: «L’arbitro ha sbagliato tanto ma abbiamo pagato di più noi»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X