facebook rss

Caos A14: out il casello di Pedaso,
un altro weekend di passione

VIABILITA’ - Il controesodo natalizio, iniziato giovedì, sta già facendo registrare diversi chilometri di coda nel tratto piceno e fermano dell’autostrada, interessato dai restringimenti di carreggiata. Nel frattempo sono iniziati i lavori sulle barriere di sicurezza dissequestrate dalla Procura di Avellino
Print Friendly, PDF & Email

Auto in coda sulla A14

Rimarrà chiusa dalle 22 di stanotte, venerdì 3 gennaio, alle 6 di domattina sabato 4 gennaio l’uscita di Pedaso dell’autostrada A14 per chi proviene da sud, a causa di lavori di manutenzione alle barriere antirumore. Lo rende noto “Autostrade per l’Italia”, precisando che la scelta è ricaduta sull’orario notturno in quanto a ridotta circolazione di veicoli. L’alternativa, per chi si trovasse a transitare sulla A14 proprio in quel lasso di tempo, è l’uscita al casello di Grottammare.

Nel frattempo l’arteria, interessata dai restringimenti di carreggiata per i viadotti da adeguare, come voluto dalla Procura di Avellino che li ha dissequestrati il 20 dicembre scorso, si prepara ad un altro weekend di passione, dopo quello che ha caratterizzato l’esodo natalizio.

E’ già iniziato il controesodo, che vedrà migliaia di automobilisti diretti a nord, cioè verso casa, dopo aver trascorso Natale e Capodanno al Centro e al Sud. Nel pomeriggio di ieri, giovedì 2 gennaio, c’erano fino a 5 chilometri di coda. Oggi, venerdì, intorno alle 16 se ne contavano 4 tra le uscite Val Vibrata e San Benedetto, 3 tra Grottammare e Pedaso. A seguito del caos che si è generato nel fine settimana tra il 20 e 22 dicembre, però, pare che qualcosa si sia mosso a favore dei cittadini del Piceno e del Fermano, sostenuti dai sindaci.

“Autostrade per l’Italia” ha chiesto, e ottenuto, un incontro urgente al Ministero dei Trasporti nel quale sono state valutate modifiche alla cantierizzazione, volte a limitare i disagi durante i lavori sulle barriere di sicurezza. Nel corso dell’incontro, per la prima volta, la Società ha anche aperto la porta alla riduzione dei pedaggi, almeno per i pendolari, nei tratti che saranno maggiormente  interessati dai lavori.

Caos A14, sulla buona strada per la riduzione dei pedaggi

A14 in tilt, aeroporto che non decolla e il miraggio dell’alta velocità «Il mio rientro nelle Marche a ostacoli»

Lavori sulla A14, i sindaci chiedono tempi certi e corsie libere

Il caos sulla A14 «Urge un tavolo al Mit per ridurre i disagi durante i lavori sui viadotti»

A14, iniziato il dissequestro temporaneo sui viadotti

Natale e caos sull’autostrada A14 «E’ davvero imbarazzante, almeno non chiedano il pedaggio!»

Un Natale d’inferno Autostrada e Statale 16 paralizzate, scene di isteria tra gli automobilisti Ma il collasso era annunciato

Natale da incubo in A14 Dissequestrati i viadotti, ma le feste iniziano con 8 km di coda e la Statale Adriatica paralizzata

Gli agenti di commercio della provincia in assemblea

Caos A14, la Lega protesta al casello Nel mirino Autostrade, Magistratura e l’ex sindaco Rossi (Foto e video)

A14, Autostrade accelera: «Pronti i progetti per i guardrail, lavori in notturna» (Video)

Caos A14, oltre 1.000 firme per dire “no” al pedaggio

Caos A14, il sottosegretario Morani: «Per le festività disagi ridotti al minimo e cantieri verso la sospensione»

Caos sull’autostrada A14, interviene il prefetto in vista di festività e dell’inverno

Sequestri in A14, raccolta firme da parte di tre Diocesi: «No al pedaggio dove ci sono disagi»

Sostieni Cronache Picene

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Picene lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT24F0847413502000000005641
  • Intestatario: Cronache Picene S.r.l - Banca: BCC di Ascoli Piceno


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X