Quantcast
facebook rss

Ascoli-Pordenone: urge un’immediata cura rigenerante

SERIE B - Vittoria sofferta e arrivata quasi per caso grazie a Baschirotto e al portiere ospite. Tante assenze, tanti affaticati, reparti scollegati e un primo tempo da... pisolino sul divano. Che fatica ragazzi, ma sono comunque tre punti molto importanti
...

 

di Lino Manni

 

Una vittoria più sofferta di questa con il Pordenone non l’ho mai vista. Una vittoria rimediata, e potrei dire arrivata per caso, anche se la volontà per ottenerla da parte degli uomini di Sottil non è mai scesa. Un Ascoli positivo (se pensiamo al covid) ma poco incisivo (per quello che si è visto in campo), non convinto delle proprie forze. Tante assenze, tanti affaticati, reparti scollegati, e così il primo tempo induceva al… pisolino sul divano. Nella prima frazione di gioco si è visto tra poco e niente tanto che se si richiedeva il rimborso del biglietto era cosa più che lecita. L’unico brivido l’ha regalato Guarna, con un dribbling da mancato centravanti e un tiraccio di Iliev finito sulla curva sud, che probabilmente voleva emulare i ragazzini che giocavano a pallone davanti la chiesa di San Tommaso, alias “Lu Spiazz d’Ventura”. Insomma un primo tempo da lumaconi, a non farsi male, ma con un Ascoli forse consapevole di essere più forte ma meno concreto delle volte scorse. Nella ripresa la musica non cambia. Anzi a tratti è peggiorata. Una ostilità calcistica mai emersa con il Pordenone che forse si accontentava del pari per sperare ancora e con un Ascoli che voleva la vittoria per entrare in pompa magna in zona playoff ma senza forze. Quanta fatica. Si è giocato con lanci lunghi, alla “viva il parroco” ma di tiri in porta e parate dei portieri neanche l’ombra. Con i tifosi del picchio che hanno intonato “e facci un gol, e facci un gol, è la curva che te lo chiede…”, alla fine il gol è arrivato. Un gol davvero pesante, di testa, di Hulk Baschirotto complice il portiere del Pordenone indeciso tra uscire o rimanere tra i pali. Ha deciso per una via di mezzo e ha preso gol. Ma quanta fatica. Dopo 94 minuti i tre punti vanno all’Ascoli a cui probabilmente serviranno di più. Il Pordenone lo vedo molto male. Ora, però, mister ci vuole una cura rigenerante per poter affrontare i prossimi impegni e non soffrire, fino alla fine, come questa volta.

 

Serie B: l’Ascoli vince in extremis e sale al 7° posto




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X