Quantcast
facebook rss

Arquata, via libera ai piani attuativi: «Simbolo di un’Italia che rinasce»

SISMA - Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità l'adozione dei Piani Urbanistici Attuativi per le sette frazioni perimetrate, capoluogo compreso. Il sindaco Franchi: «Finalmente tocchiamo con mano la ricostruzione. Spero si arrivi all'approvazione definitiva per l'estate». L'archistar Boeri: «Siamo davanti a un'occasione unica per migliorare le condizioni del territorio e degli insediamenti. A Pescara ci sarà uno spazio per ricordare le 52 vittime»
...

 

Arquata prova a rinascere. Stavolta concretamente. Il Consiglio comunale si è pronunciato, approvando all’unanimità l’adozione dei Piani Urbanistici Attuativi per le sette frazioni perimetrate, capoluogo compreso: Vezzano, Piedilama, Tufo, Capodacqua, Pretare e Pescara del Tronto, il paese che più ha pagato in termini di vittime durante quel maledetto 24 agosto 2016.

 

Si tratta senza dubbio di un momento di svolta per tutto il territorio, che comporterà una spesa compresa tra i 60 e gli 80 milioni di euro utili alla messa in sicurezza ed alla realizzazione di sottoservizi, opere pubbliche e tutto quanto utile a far tornare a vivere il comprensorio. Un lavoro imponente con oltre 400 edifici da ricostruire.

Il borgo di Arquata distrutto dal sisma

 

«Si tratta di una giornata fondamentale per il nostro futuro, finalmente tocchiamo con mano la ricostruzione – spiega il sindaco Michele Franchi – ora scattano i trenta giorni di tempo utili ai cittadini per presentare osservazioni, poi si passerà alla conferenza permanente con gli enti; dopo le risposte alle osservazioni e l’ottenimento dei necessari pareri si arriverà all’approvazione definitiva del Consiglio, che spero avvenga per l’estate».

 

All’assise tenutasi nel tardo pomeriggio di lunedì 9 maggio, presenti tanti cittadini (moltissimi anche quelli collegati online), oltre alle figure coinvolte nel processo di ricostruzione, tra cui il commissario straordinario Giovanni Legnini, l’assessore regionale Guido Castelli e l’architetto Stefano Boeri, che ha illustrato il piano insieme a Raffaele Gerometta, direttore tecnico di Meta, e all’architetto Francesco Nigro.

 

«Siamo davanti a un’occasione unica per migliorare le condizioni del territorio e degli insediamenti -le parole con cui hanno accompagnato le slide – a Pescara ci sarà uno spazio per ricordare le 52 vittime ma anche per la socializzazione, tutto realizzato in sicurezza e con materiali innovativi, puntando sulla sostenibilità. Solo lavorando insieme riusciremo ad accorciare i tempi. Arquata e Pescara saranno il simbolo di un’Italia nuova, diversa, che sa rinascere dalle tragedie».

 

«Siamo in un momento cruciale, il rischio blocco è stato scongiurato dall’ordinanza sui prezzi -aggiunge Legnini-. Sono fiducioso, nelle prossime settimane si tornerà a procedere con ritmo sostenuto. Ricominciamo a parlare di futuro grazie ad un lavoro sinergico, e lo facciamo coniugando il tutto con principi di sicurezza, sostenibilità, rigenerazione e sviluppo».

«Ribadisco, è momento importante per Arquata, un passaggio decisivo nel processo di ricostruzione di un intero territorio – ricorda ancora Castelli – possiamo affermare con certezza che sì, le prospettive sono concrete e finalmente, qui, vedremo sorgere cantieri e prospettive di rilancio. L’approvazione dei piani, infatti, porta con sé tempistiche ben delineate, scelte di qualità e opzioni insediative mirate. Ora dovremo concentrarci sull’attuazione di quanto deliberato, scongiurando ogni possibile impedimento o lungaggine. Dobbiamo garantire un futuro alla comunità arquatana, nel segno della sicurezza».

Piani Attuativi in Consiglio, le associazioni: «Momento fondamentale per la ricostruzione»




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X