Quantcast
facebook rss

Bolletta da 6.000 euro, un’imprenditrice di Porto d’Ascoli pensa di chiudere

SAN BENEDETTO - Per Fish&Co, il mercato del surgelato, il costo della luce è quasi triplicato. La crisi si fa sentire. Ad aver chiuso, nell'ultimo periodo, sono state 46 attività commerciali
...

Una bolletta di oltre 6.000 euro si è abbattuta su Fish&Co.

 

di Giuseppe Di Marco

 

In un anno si è vista aumentare la bolletta della luce da 2.364,126.252,91 euro e ora pensa di chiudere il suo negozio a Porto d’Ascoli. E’ successo a Luana Ferrari, titolare di Fish&Co. – Il mercato dei surgelato, esercizio che si trova sulla Statale Adriatica e che come molti altri soffre per il tremendo rincaro dei costi delle utenze.

 

«Sono passata da circa 2.300 dell’agosto 2021 a 6.200 euro di un mese fa – dichiara l’imprenditrice – e se non avessi risparmiato avrei avuto una bolletta compresa fra 7.800 e 8.000 euro. La situazione è insostenibile e nel frattempo leggo che Eni capitalizza il 700% di utile. Un utile che però non viene riversato nell’economia reale sotto forma di sostegni. Adesso basta: dobbiamo manifestare contro quello che ci sta succedendo, l’alternativa è subire passivamente le scelte politiche nazionali, arrendersi e chiudere i battenti».

 

Fish&Co. rischia di chiudere i battenti

 

La situazione si fa complicata, anche perché i tempi duri, per molti, sono cominciati ben prima della guerra in Ucraina e dell’attuale congiuntura internazionale. La sensazione è che l’ossigeno manchi dai tempi della pandemia, ma ovviamente il contesto, a questo punto, è impossibile da gestire.

 

«L’unica alternativa alla chiusura è manifestare – prosegue Luana – in qualche maniera dobbiamo farci sentire, magari bloccando la A14: in quel caso sono sicura che presterebbero attenzione alle nostre proteste. Il problema è che non sentiamo la vicinanza delle istituzioni. A Porto d’Ascoli vengono aperti nuovi supermercati e il sindaco afferma che daranno tanti posti di lavoro in più. I problemi invece aumenteranno, perché molti negozi perderanno clientela proprio per queste nuove aperture». Il riferimento è ovviamente all’Eurospin aperto all’incrocio fra Via Piave e Via Val Tiberina, alla cui inaugurazione ha partecipato anche il sindaco Antonio Spazzafumo.

 

I dubbi, oramai, riguardano il futuro del tessuto sociale di Porto d’Ascoli. Secondo Davide Portelli, presidente dell’associazione di commercianti PdA Shopping Center, in zona avrebbero chiuso 46 attività a causa della crisi provocata prima dall’emergenza sanitaria e poi dal conflitto ad est.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X