Quantcast
facebook rss

Emergenza Covid-19,
in arrivo 3.000 mascherine
Sindaco e assessori
di Castel di Lama
donano l’indennità

EMERGENZA CORONAVIRUS - Il Comune, grazie alle donazioni ha raccolto 14.000 euro. Parte della cifra servirà per acquistare mascherine con tre strati di tessuto, una per ogni nucleo familiare
...

Emergenza Coronavirus, il Comune è pronto a consegnare 3.000 mascherine, una per ogni nucleo familliare. L’acquisto dei dispositivi di sicurezza è stato possibile grazie ad alcune importanti donazioni fatte da privati e alla rinuncia di una mensilità dell’indennità di carica, totale o parziale, da parte degli amministratori lamensi, che hanno messo a disposizione 3.700 euro.

Il sindaco Bochicchio (Foto Vagnoni)

La cifra totale raggiunta ammonta a 14.000 euro, di cui 12.000 saranno destinati alle mascherine e il restante per aiutare la cittadinanza fornendo i servizi di primo bisogno, tipo i pacchi alimentari. Le mascherine, non di tipo medico, sono composte da tre strati: due di cotone e uno di tessuto non tessuto idrorepellente. Possono essere lavate, disinfettate e riutilizzate nel tempo.
«La distribuzione inizierà nei prossimi giorni, abbiamo fatto un appello per coinvolgere dei volontari per la consegna dei dispositivi, che ovviamente avverrà nella massima sicurezza – commenta il sindaco Mauro Bochicchio – una volta ricevute le mascherine, queste andranno lavate, possibilmente a mano, per evitare che si deteriori la parte idrorepellente, con un po’ di disinfettante. Crediamo, con questo gesto, di aiutare i cittadini che comunque escono per lavoro o per fare la spesa e che non trovano nemmeno le mascherine in cartone in commercio. Ringrazio i privati per la donazione effettuata in questo periodo di emergenza, dimostrando un sincero segno di attaccamento al territorio».

Il riferimento del primo cittadino è alla la Hydrowatt, che ha donato 7.000 euro, a Mary Confezioni, che ha messo sul piatto 2.400 euro, al Centro islamico di Ascoli, che conta diverse persone che abitano a Castel di Lama, che ha devoluto 1.000 euro. «Abbiamo creato un capitolo di bilancio per il Covid-19 –  conclude il sindaco – così come un conto corrente ad hoc per far confluire tutte le donazioni future che si spera arriveranno, per gestire al meglio questo periodo di emergenza».

Ecco il conto corrente: Banca del Piceno Credito Cooperativo – filiale di Villa Sant’Antonio – via Salaria 170/172 – 63100 Ascoli Piceno – Iban: IT35R0847413501000000000731 – Causale: emergenza Covid-19

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X