Quantcast
facebook rss

E’ ripartita, e a pieno ritmo,
l’analisi dei tamponi
nel laboratorio di Ascoli
“La Roche” ha inviato
anche la seconda fornitura di reagenti

EMERGENZA CORONAVIRUS - Area Vasta 5 ha ricevuto con il primo carico materiale per circa 2.500 esami, per 600 con il secondo. I ringraziamenti del dg alla ditta per aver mantenuto l'impegno nonostante l'espansione della pandemia. Un decesso ad Ascoli, si tratta di una donna di 84 anni. Nel Piceno solo 5 positivi in più, per un totale di 178 casi. Tutti gli aggiornamenti del Gores 
...

Cesare Milani (foto Vagnoni)

Era atteso per sabato prossimo il secondo carico di kit della Roche Diagnostics per analizzare i tamponi con il macchinario in grado di processarne 800 al giorno, a completamento di quello parziale inviato ieri, 2 aprile, all’Area Vasta 5.  Invece l’ulteriore fornitura di reagenti per circa 600 esami è arrivata nella mattina di oggi, 3 marzo.

«Dopo qualche giorno di difficoltà di approvvigionamento dei reagenti per la ricerca del virus Sars-CoV-2 nei tamponi naso faringei o nei liquidi di lavaggio bronchiale, la ditta Roche Diagnostics da ieri  ha iniziato la fornitura di un numero sufficiente per la gestione delle attività analitiche necessarie per soddisfare le richieste di tamponi che pervengono all’Area Vasta 5», ha detto Cesare Milani, direttore di Area Vasta 5.

«In particolare – ha precisato – sono stati forniti reagenti per circa 2.500 determinazioni nel pomeriggio del 2 aprile con tutto il materiale accessorio, necessario per l’esecuzione degli esami (controlli, soluzioni di lavaggio, piastre di processazione e di amplificazione, reagenti per l’estrazione dell’RNA virale, materiale plastico vario)». Già oggi, nel laboratorio analisi dell’ospedale “Mazzoni” di Ascoli, sono stati analizzati numerosi tamponi. E sono solo 5 fino ad ora quelli di cittadini della provincia di Ascoli risultati positivi, portando il totale dei contagiati da 173 a 178 (il Gores ne conta 232). Domani c’è la concreta possibilità che si termineranno le letture di tutti i campioni prelevati e ancora in attesa del risultato.

«Queste forniture hanno già consentito di eseguire la maggior parte degli esami da processare e danno la possibilità di garantire l’esecuzione continua anche nei prossimi giorni», ha concluso Milani che ha colto l’occasione per ringraziare la ditta: «Nonostante le innumerevoli richieste ricevute da ogni continente, la Roche Diagnostics sta mantenendo gli impegni presi con il nostro territorio. Ha confermato che manterrà una fornitura di reagenti e materiali adeguati alle necessità dell’Area Vasta 5  per le prossime settimane».

L’aggiornamento del Gores di oggi riferisce che le persone in isolamento nel Piceno sono 339, ma il servizio di Igiene Sanità Pubblica precisa che il numero è arrivato a 356, di cui 73 sintomatici e 17 operatori sanitari. I ricoverati all’ospedale “Madonna del Soccorso” di San Benedetto sono in tutto 54, 13 in terapia intensiva, 13 in semintensiva e 28 in reparti non intensivi. Dei malati della provincia di Ascoli, gli ospedalizzati sono 21, di cui 7 in terapia intensiva, 7 in semintentensiva e 7 in altri reparti. Sono 7 i decessi nel Piceno che invece in regione sono arrivati ad un totale di 574, compresi i 17 registrati nelle ultime 24 ore. Tra loro una donna di 84 anni di Ascoli. La fonte è sempre il Gores. 

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X