Quantcast
facebook rss

I parrucchieri verso la riapertura
L’hair stylist Nardini:
«Vi spiego come cambierà il salone»

CORONAVIRUS - Tutto pronto per la ripartenza del 18 maggio. Tante le novità e le misure di sicurezza da mettere in atto. Ingressi scaglionati e distanza le parole d'ordine. Come si organizzano le attività
...

di Andrea Pietrzela

Come molti suoi colleghi, Sergio Nardini, titolare del Centro Degradè Conseil “Serge Avant Garde”, sta organizzando la ripartenza dell’attività dopo il periodo di lockdown. A lui il compito di spiegare le misure di sicurezza che clienti e dipendenti saranno chiamati a rispettare. Ecco come il Covid-19 cambierà la routine in parrucchieria tra mascherine, sanificazioni e distanze di sicurezza.

Nardini all’opera

Proprio in queste ore, in Senato si sta discutendo il nuovo decreto “Rilancio” che regolerà le riaperture delle attività ancora chiuse a causa dell’emergenza Coronavirus. Tra queste ci sono le parrucchierie, la cui futura sicurezza è già stata testata nelle Marche.

«Ad Ancona, in una parrucchieria e con la presenza del presidente della Regione Ceriscioli, è stata fatta una prova generale per verificare l’efficacia delle misure di sicurezza che saranno prese ed è andata bene: noi siamo già pronti per riaprire»  racconta Nardini. Quando? «La data ufficiale è ancora quella del 1 giugno, ma sembra che si vada verso una riapertura anticipata al 18 maggio».

SICUREZZA – «La regola principale è intensificare la sicurezza in ogni modo possibile -va avanti Nardini-. È ovvio che ogni salone è diverso dall’altro e ognuno adotterà accorgimenti diversi per raggiungere gli stessi obiettivi in termini di sicurezza e di sanificazione. Noi ovviamente saremo dotati di mascherina e guanti e all’ingresso ci sarà il gel disinfettante. A mio avviso si riveleranno molto utili anche i teli monouso, cosa che noi utilizzavamo già da prima, in modo tale che ogni cliente avrà il suo, si eviteranno sanificazioni continue e allo stesso tempo si garantirà la massima sicurezza. Un’altra cosa importante è l’aspirazione, cosa di cui si parla poco, ma sarà fondamentale per garantire un ricambio d’aria che eviterebbe lo stanziamento nell’aria delle piccole particelle, quelle più pericolose».

Il salone

INGRESSI E DISTANZE – Tutti vogliono tornare ad aggiustarsi il taglio di capelli, ma Nardini ci spiega che «gli ingressi saranno scaglionati sia per i dipendenti che per i clienti. Creeremo delle fasce orarie per organizzarci al meglio: per le distanze da mantenere, il rapporto dipendente/cliente deve essere 1:1, ma può essere 1:2 se ci sono clienti fermi in posa. Prenderemo gli appuntamenti di volta in volta, così noi sapremo quando tornerà un cliente e come organizzare ed “incastrare” di conseguenza anche gli altri».

Come si svolgerà dunque la vita all’interno del salone? «L’unica novità, mascherine a parte, è che sarà tassativo il rispetto delle distanze. La distanza minima tra un cliente e l’altro dovrà essere di 1,80 metri, il plexiglass sarà obbligatorio soltanto se sarà impossibile rispettare questa distanza: tutto dipende dalla metratura e dalla struttura di ogni singolo salone. Noi lo metteremo sicuramente alla cassa».

MASCHERINE E…GRUCCE – Una cosa non da poco è che Nardini è pronto «a dotare ogni cliente di mascherina chirurgica, in modo tale che saranno tutte uguali e si eviteranno differenze di protezione: ogni cliente proteggerà gli altri da se stesso essendo più filtrato dall’interno verso l’esterno. In questo modo garantiremo al massimo la sicurezza di tutti». Ma non solo mascherine: «Abbiamo isolato ogni gruccia con un telo di plastica, così qualunque giacca o giubbino non sarà a contatto diretto con i vestiti di altri clienti».

Gel disinfettante all’ingresso, mascherine per i clienti, plexiglass alla cassa, distanza di sicurezza all’interno del salone, accorgimenti per il ricambio dell’aria e teli di plastica sulle grucce. In attesa del semaforo verde, si è pensato a tutto ed è pronto per ripartire. « Anche se per la riapertura in questa fase 2 -conclude Nardini- la miglior arma che possiamo sperare di avere contro il contagio sarà innanzi tutto l’attenzione di ogni singola persona.

«Per parrucchieri ed estetisti faremo da apripista in tutta Italia»

Parrucchieri ed estetiste, c’è il via libera della Regione: «Al lavoro dal 14 maggio»

Parrucchieri ed estetiste, istruzioni per l’uso

Parrucchieri ed estetisti, si riparte con le barriere paraschizzi: «Prova superata brillantemente»




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X