facebook rss

Minacce a uno dei portieri
e un divano dato alle fiamme
«Succede se parli bene dell’Hotel House»

PORTO RECANATI - Luca Davide preso di mira con una scritta. Lunedì ha rilasciato un'intervista a Cronache Maceratesi: «Non mi faccio intimidire, ho avvisato forze dell’ordine e prefettura»

hotel-house-scritte-e-danni-1-650x488

La scritta comparsa all’Hotel House

 

Una scritta minatoria che prende di mira uno dei portieri e un divano incendiato all’Hotel House di Porto Recanati «Ancora una volta dopo un articolo in cui parliamo positivamente di questa struttura accadono simili episodi, non credo sia un caso ma è qualcuno che non vuole bene all’Hotel House. Io di certo non mi faccio intimorire», così Luca Davide, uno dei cinque portieri dell’Hotel House e proprio quello preso di mira con la scritta comparsa oggi sulla rampa al secondo piano della scala A del mega condominio. Qualcuno ha scritto: «Luca vai via».

luca-davide

Luca Davide

Sullo stesso piano questa mattina uno dei portieri, Mustafà Diop, senegalese, nel corso di un giro di controllo ha trovato un divano che stava bruciando. L’incendio è stato subito spento dal portiere (e l’estintore immediatamente sostituito). Luca Davide lunedì in una intervista a Cronache Maceratesi aveva parlato della situazione dell’Hotel House, tornato covid free e spiegando che anche dal punto di vista della sicurezza le cose sono cambiate e lo spaccio si è quasi azzerato. Il tutto grazie alla collaborazione con le forze dell’ordine, la Prefettura, il Comune, la Protezione civile, e il nuovo amministratore. «Purtroppo non è la prima volta che dopo che escono articoli positivi poi qualcuno compie azioni simili – spiega Davide -. Succede immancabilmente, e credo non sia un caso. Di certo non mi fermerò dopo sette anni di lavoro di fronte a queste cose – dice Davide -. Anche altre volte mi è capitato di ricevere minacce, persino con una katana. Non ho mai avuto nessun problema nel condominio, ma sicuramente ho dei nemici. Non posso prendere che su 1.300 persone siano tutti amici. Però domani sarò al lavoro come sempre». Davide ha ricevuto diverse testimonianze di solidarietà dopo questo episodio». Il servizio di portineria è stato ripristinato alcuni mesi fa e oggi si occupa di controllare chi entra nel mega condominio con massima attenzione per quanto riguarda il Covid (tra le attenzioni quella di chi rientra dall’estero e deve sottoporsi a tampone). Di quanto accaduto «ho avvisato le forze dell’ordine e la Prefettura».

(Gian. Gin.)

 

hotel-house-scritte-e-danni-2-650x488

Il divano bruciato

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X