facebook rss

«Il ministro vuole abbassare le soglie
per entrare in zona rossa o arancione:
restrizione sbagliata se riaprono le scuole»

EMERGENZA CORONAVIRUS - L’assessore Mirco Carloni dopo la conferenza Stato-Regioni in vista di un altro possibile decreto: «E’ una contraddizione, in un contesto in cui oltretutto il Governo sembra andare avanti per tentativi»

 

post-carloni-e1609745519875-650x395

Il post dell’assessore Carloni

«Il Ministro Speranza propone di abbassare le soglie per entrare in zona arancione e rossa».

Ad annunciarlo è l’assessore Mirco Carloni in un post sul suo profilo Facebook pubblicato al termine dell’incontro di ieri sera fra le Regioni e il governo, successivo al vertice fra esecutivo, capidelegazione di maggioranza e membri del comitato tecnico scientifico.

carloni-riunione-stato-regioni

L’assessore Mirco Carloni durante una delle videoconferenze Stato-Regioni

«Questa ulteriore restrizione è sbagliata se contemporaneamente riaprono le scuole -spiega Carloni-. Abbiamo pertanto ribadito che è una contraddizione questa delle scuole aperte con le restrizioni imposte alle attività economiche, in un contesto in cui oltretutto il Governo sembra andare avanti per tentativi. Questa incertezza genera danni alla economia irreparabili».

Quello che appare evidente, dunque, è che dal giorno dopo la Befana qualcosa nelle restrizioni cambierà inevitabilmente, vista l’ipotesi di rimodulazione del parametro dell’Rt per la collocazione in una delle tre fasce di rischio.

Il governo sta valutando di abbassare le soglie: in pratica, la zona arancione non scatterebbe al superamento dell’1,25 ma bensì dell’1, la rossa all’1,25 e non più all’1,5. Un’ipotesi, questa, che vede la nostra regione direttamente interessata, visto l’allarme lanciato dal governatore Francesco Acquaroli lo scorso 31 dicembre (leggi l’articolo) in merito all’innalzamento dei casi e dell’indice rt.

Venerdì 8 gennaio è la data in cui si riunirà la cabina di regia e in cui verranno decise le nuove fasce di rischio e se diventerà realtà l’abbassamento del parametro. Inoltre, sembra sempre più probabile che nel weekend del 9 e 10 gennaio tutto il Paese sarà zona arancione (giovedì e venerdì gialli) con possibilità dal 7 fino al 15 gennaio di nuove disposizioni con un provvedimento ponte fra la data di scadenza del decreto natalizio e dell’ultimo Dpcm.

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X