Quantcast
facebook rss

Ricostruzione post sisma,
accordo con ActionAid e Cittadinanzattiva

IL COMMISSARIO Legnini ha siglato con le due realtà un accordo quadro di partenariato per favorire il coinvolgimento delle comunità e del tessuto socioeconomico. Tra le altre cose, la collaborazione nelle fasi di consultazione per la messa a punto del Testo Unico della ricostruzione privata
...

Il commissario straordinario per la ricostruzione Giovanni Legnini e ActionAid e Cittadinanzattiva hanno
siglato un accordo quadro di partenariato per favorire il coinvolgimento delle comunità e del tessuto socioeconomico locale nel processo di ricostruzione del centro Italia, in particolare nei comuni più colpiti, da dove partiranno già nei prossimi giorni le prime azioni concrete.

Il progetto, denominato “Percorsi di partecipazione comunitaria per la ricostruzione”, prevede l’impegno delle due organizzazioni, che negli anni hanno sviluppato una qualificata esperienza nella informazione civica e nell’attivazione di percorsi di partecipazione dei cittadini alle fasi di ricostruzione post catastrofe, dall’Aquila 2009, all’Emilia 2012 e nello stesso centro Italia dopo il 2016, per agevolare il coinvolgimento consapevole della popolazione e delle imprese con una serie di iniziative mirate.

L’Accordo quadro è stato firmato a Roma da Legnini, Katia Scannavini, vicesegretaria generale di ActionAid, e Anna Lisa Mandorino vicesegretariagenerale di Cittadinanzattiva, e prevede che le parti sostengano con proprie risorse finanziarie i costi di realizzazione delle attività congiunte.

ActionAid e Cittadinanzattiva, in questa fase, collaboreranno con il commissario anche nelle fasi di consultazione per la messa a punto del Testo Unico della ricostruzione privata, che vedrà la luce tra poche settimane, e in uno specifico progetto, in fase di elaborazione, che riguarda la ricostruzione e la messa in sicurezza di oltre 200 scuole nel cratere del sisma 2016.

«Questo accordo è parte delle iniziative che stiamo adottando per dare attuazione concreta al principio della partecipazione consapevole dei cittadini alle scelte e alle decisioni che i Comuni più colpiti dovranno adottare affrontando la ricostruzione, che abbiamo inquadrato anche nella normativa sui Programmi Straordinari di ricostruzione» spiega Legnini.

«Finalmente la nostra richiesta, fatta da diversi anni, di valorizzare la partecipazione dei cittadini nei percorsi di ricostruzione trova una risposta soddisfacente, e di questo siamo grati al commissario -spiega Anna Lisa Mandorino-. Soprattutto perché inserita in un quadro di collaborazione definita e continuativa. Lo cogliamo come
impegno che va nella direzione di una partecipazione di qualità, che riconosce il protagonismo dei cittadini
nella ricostruzione e nel rilancio delle loro comunità».

«La ricostruzione del centro Italia e la partecipazione alle decisioni che la determineranno non solo è un diritto di chi vive, abita o abitava questi territori, ma è un bene comune, di interesse collettivo che apre spazi alla co-progettazione e all’immaginazione del futuro -sottolinea Katia Scannavini – E’ infatti un’occasione di rigenerazione complessiva di questi luoghi troppo a lungo deprivati e marginalizzati. Sono questi i presupposti sui quali ci siamo impegnati reciprocamente in un’alleanza tra Terzo Settore e struttura del commissario e cogliamo con entusiasmo la sfida di concretizzarli nelle comunità».

Gli accordi attuativi dell’intesa potranno riguardare il sostegno alle amministrazioni locali, i cittadini, gli stakeholder locali nella pianificazione della ricostruzione, l’assistenza e la tutela continuativa dei cittadini per superare le diseguaglianze indotte anche dalla burocrazia, il coinvolgimento proattivo della popolazione e delle imprese anche nella ricostruzione socio-economica dei territori, l’organizzazione di workshop formativi, iniziative ed eventi.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X