Quantcast
facebook rss

Presidente Ciip, i giochi sono fatti: ecco il nuovo Consiglio d’Amministrazione

VOTO - Pronta la lista che sarà sancita dal voto del 29 giugno, con due uomini e due donne. Il commento del sindaco di Ascoli Marco Fioravanti, anche su Maurizio Ramazzotti. Le tappe della trattativa. Il ruolo di San Benedetto
...

 

 

Marco Fioravanti e Giacinto Alati

 

 

di Maria Nerina Galiè

 

Niente più sorprese o cambi di rotta dell’ultimo minuto: non ci sarà la corsa al rinnovo della  presidenza e del Cda della Ciip. Anzi, con una sola lista, sarà una passeggiata da qui al 29 giugno (il 30 in seconda convocazione), giorno delle votazioni.

La lista presentata oggi, 17 giugno, si compone così: Giacinto Alati, fermano, come presidente, consiglieri d’amministrazione: Maddalena Ciancaleoni, commercialista di Ascoli, Nives De Angelis di Grottammare (consigliere uscente), Gianluca Pompei di San Benedetto e Fausto Raschioni per l’area montana (quest’ultimo sarà votato dai 10 Comuni ex “Vettore”). Come da statuto, quindi, due uomini e due donne. Non c’è più nulla da scoprire.

 

«Sono molto soddisfatto del risultato ottenutocommenta Marco Fioravanti, sindaco di Ascoli, che per tutta la trattativa sul nome da presentare ha sempre tenuto un profilo basso, ma coerente –  cioè una lista unica, trasversale e rappresentativa di tutto il territorio, piceno e fermano. Inoltre, in questo modo, possiamo confermare una compagine che in precedenza ha portato ottimi risultati nella gestione della Cicli integrati. Fattori ancor più importanti in un momento così delicato per l’azienda e i cittadini».

 

Obiettivi, investimenti mai visti e progetti di spessore nel futuro della Ciip, sottolinea il sindaco di Ascoli, «come migliorare la qualità dell’acqua, risolvere la grave crisi idrica, realizzare il nuovo acquedotto al posto di quello danneggiato dal sisma». 

 

Antonio Spazzafumo

LE TAPPE Il sindaco di Ascoli, dall’alto del suo 17% di “peso” in sede di voto, non ha mai forzato la mano verso uno schieramento o un nome. Circa un mese fa ha avuto un incontro con il collega di Fermo (11%), Paolo Calcinaro, e di San Benedetto (14%) Antonio Spazzafumo, per ribadirsi la necessità di una lista unica, incentrata su un nome condiviso, qualunque fosse.

 

Fioravanti e Calcinaro hanno trovato quasi subito la quadra sul nome di Alati, che ora si appresta al quinto mandato.

 

Più difficile il ruolo di San Benedetto che, fino a poche ore prima della presentazione della lista, di fatto aveva in tasca il mandato della sua maggioranza di proporre Fabio Urbinati, dopo aver ipotizzato Alberto Paradisi, per poi strizzare l’occhio a Luciano Agostini sulla spinta della “discontinuità” appellata dai sindaci dei comuni del territorio piceno.

 

L’altro ieri, il sindaco Spazzafumo aveva partecipato ad una riunione con alcuni dei primi cittadini (firmatari di un appello alla “discontinuità” con tanto di nome e cognome) che proprio non rivolevano Alati. Il sindaco di San Benedetto, diffondendo ieri una nota dei suoi stessi interlocutori della sera prima, aveva lasciato chiaramente intendere loro di appoggiarli su Maurizio Ramazzotti.  I primi cittadini con meno “peso” nel voto, avrebbero fatto un passo indietro pur di riunire il Piceno.

 

Maurizio Ramazzotti

A proposito di Maurizio Ramazzotti, nome emerso negli ultimissimi giorni e che poteva, in qualche modo, riunire il Piceno sotto un’unica figura, il sindaco Fioravanti tiene a precisare: «sì, è venuto fuori come possibile candidato, in quanto è uno dei migliori manager della provincia di Ascoli e delle Marche. Non è stato lui a proporsi, ma gli è stato chiesto. Ramazzotti ha però detto di non essere disponibile per i troppi impegni».  

 

Tornando a ripercorrere le tappe della difficile scelta, sempre ieri però Spazzafumo aveva abbracciato la linea della sua maggioranza consiliare: Urbinati. Ed aveva iniziato a raccogliere firme di altri colleghi.

 

Stamattina, all’ennesima capigruppo di maggioranza, Urbinati – che nel frattempo si era fatto i suoi conti – ha ritenuto di defilarsi. Nella trattativa, soprattutto delle ultime ore, è stata determinante l’opera di “ricucitura” di Marco Fioravanti: Gianluca Pompei assicurerà a San Benedetto almeno una poltrona.

 

Scontenta la maggioranza di San Benedetto, con il cerino in mano i sindaci del territorio? In ogni caso, il cerchio si è chiuso.

 

Se conquistare la poltrona di presidenza e Cda sarà ormai una pura formalità, non sarà altrettanto semplice continuare a garantire agli utenti un servizio così essenziale, come l’acqua. La sfida è dietro l’angolo e le province di Ascoli e Fermo si sono compattate per non disperdere energie in inutili giochi politici o di identità territoriale. 

 

Ciip, San Benedetto si schiera con Alati e candida Pompei

Ciip, San Benedetto raccoglie adesioni per Urbinati: l’obiettivo è almeno un posto in Consiglio

Presidente Ciip, spunta fuori  Maurizio Ramazzotti: i Comuni del territorio rimettono tutto nelle mani di Fioravanti

Presidenza Ciip, Piergallini: «Società strategica su cui la politica non può fare azzardi»

Presidenza Ciip, Fermano compatto e Piceno spaccato: intanto Alati incassa la maggioranza

Ciip al voto, no ad Alati e no ad Agostini: questa per ora la posizione di San Benedetto

Presidenza Ciip, nell’Ascolano 15 Comuni chiedono il cambiamento: tutto in mano a San Benedetto

Ciip al voto, sindaci del Fermano pronti a sostenere Alati: ora la palla passa a San Benedetto

Ciip al voto, i sindaci di Ascoli e Fermo: «Verso una sola lista»

Ciip al voto: nomi in corsa per la carica di presidente e possibili scenari


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X