Quantcast
facebook rss

Corona d’alloro, gonfaloni e messa: Ascoli ricorda le sue vittime sul lavoro

NELLA 72ESIMA Giornata nazionale, Provincia e Comune si sono ritrovate alla manifestazione promossa dall’Anmil. Teodori (consigliere provinciale): «Incidente in crescita e riguardano soprattutto giovani e over 50. Necessario l'impegno delle istituzioni locali per prevenirli»
...

 

 

Corona d’alloro, gonfaloni di Comune e Provincia e cerimonia religiosa anche ad Ascoli, in occasione della 72esima Giornata nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro. La manifestazione, promossa dall’Anmil (Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi del Lavoro), si è tenuta oggi, 10 ottobre, iniziando con la Messa celebrata nella chiesa di Santa Maria Goretti dove le autorità civili e militari erano presenti assieme ai gonfaloni di Provincia e Comune ed alle bandiere associative.

 

Successivamente autorità e partecipanti hanno deposto una corona d’alloro al monumento dedicato alle “Vittime del Lavoro” in via Cola d’Amatrice. Quindi, nella sala parrocchiale attigua alla chiesa di Santa Maria Goretti, sono stati consegnati brevetti e distintivi d’Onore agli invalidi a cura dell’Inail di Ascoli.

 

«Gli incidenti sul lavoro – queste le parole consigliere provinciale con delega al Bilancio e Pnrr Marco Teodoricostituiscono una vera e propria emergenza sociale. I numeri sono infatti purtroppo in crescita a livello nazionale e riguardano soprattutto giovani e over 50. E’ quindi importante che anche le istituzioni locali, nell’ambito delle rispettive competenze, operino con concretezza per potenziare la sicurezza sul lavoro e prevenire mortalità ed incidenti».

 

Il presidente della Provincia Sergio Loggi ha espresso apprezzamento «per l’attività dell’Anmil, che assiste e tutela i lavoratori da quasi 80 anni, promuovendo azioni volte a migliorare la legislazione in materia, a supportare le vittime di infortuni e a sensibilizzare l’opinione pubblica» ed ha ricordato «l’appello del Presidente della Repubblica ad un impegno sempre più attento ed incisivo sui temi delle politiche per la sicurezza».

“Fermiamo la strage sul lavoro”: scatta lo sciopero in tutte le Marche

Infortuni sul lavoro nelle Marche, sciopero con assemblea e sit-in al porto: «Anche la Regione risponda»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X