Quantcast
facebook rss

A Venezia l’Ascoli gongola sulla gondola

SERIE B - La squadra di Bucchi non smentisce il motto "non c'è due senza tre" e, dopo un primo tempo abbastanza noioso, nella ripresa affonda e segna i due gol che valgono tre meritatissimi punti
...

 

di Lino Manni

 

L’Ascoli gongola sulla gondola e non smentisce il motto “non c’è due senza tre”. Una vittoria in laguna che ribadisce il buon momento della squadra di mister Bucchi. E dire che il primo tempo non mi è piaciuto: pochi tiri in porta, gioco non manovrato, tutto è rimandato agli spunti dei singoli. I bianconeri si alternano nei tiri da fermo senza mai inquadrare lo specchio della porta. Insomma, partita bruttina, proprio come le maglie del Venezia. Ben messo in campo, l’Ascoli è stato nettamente superiore ai veneti che sono andati in gol. Non mi sono scomposto: in tv si è visto benissimo la manata che ha indirizzato la palla in rete. La conferma della supremazia bianconera nella ripresa con il vantaggio di Dionisi. Il capitano non perde mai il fiuto del gol e, con calma e tranquillità, mette il pallone nell’angolo dove il portiere non può nulla. Il centravanti sta attraversando un buon momento e di questo passo può arrivare al record dei gol in B: glielo auguriamo. Dopo aver messo la firma sul contratto che lo lega all’Ascoli fino al 2025, Collocolo realizza il 2-0 mettendo in cassaforte il risultato. Nella prima parte di campionato il centrocampista bianconero si è visto a sprazzi. Ora ha trovato il passo giusto, e non può che migliorare. Nella notte di Halloween più… dolcetto che scherzetto. Bravi tutti.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X