Quantcast
facebook rss

Ascoli: Collocolo e Caligara patrimoni del club: la Serie A monitora la loro crescita

SERIE B - Dopo Botteghin, i due sono stati i calciatori più utilizzati da Bucchi nel girone d’andata. Dalla massima serie si guarda con attenzione al loro percorso di maturazione, ma per il momento è da escludere una cessione già a gennaio. Mercato: il 2003 Luciani passa al Ravenna in Serie D
...

 

di Salvatore Mastropietro

 

Si continua a lavorare sodo in casa Ascoli in vista della ripresa del campionato, prevista domenica 15 gennaio al “Liberati” di Terni. Dopo la doppia seduta sostenuta ieri, nel giorno dell’Epifania, la squadra bianconera è tornata in campo agli ordini di Cristian Bucchi questa mattina per un allenamento incentrato su attivazione coordinativa e partita a tutto campo. Domani mattina, domenica, Dionisi e compagni saranno al lavoro alle ore 11 per chiudere una settimana in cui si è cercato per porre le basi per la seconda parte della stagione a livello fisico e a livello tecnico-tattico.

 

Collocolo (foto Ascoli Calcio)

Il tecnico classe 1977 vuole ripartire consolidando le certezze costruite nei mesi scorsi, sia a livello tattico (il 3-5-2 resta la base su cui continuare a costruire) sia a livello di singoli. Il terzetto difensivo Simic-Botteghin-Quaranta ne è un chiaro esempio, così come lo sono le due mezze ali Collocolo e Caligara.

 

Entrambi nella prima parte di campionato sono stati tra i “fedelissimi” di Cristian Bucchi e figurano dietro a Eric Botteghin nella speciale classifica dei minutaggi collezionati all’interno della rosa. Caligara ha saltato una sola sfida (quella di Perugia) per squalifica ed ha collezionato un totale di 1644 minuti. Collocolo, invece, è stato assente nella trasferta di Bolzano contro il Sudtirol e nella prima gara ufficiale stagionale al “Penzo” di Venezia. 1574 i minuti disputati dal centrocampista pugliese, che con 3 reti in campionato ha già eguagliato lo score della passata stagione.

 

Caligara (foto Ascoli Calcio)

Entrambi sono un patrimonio dell’Ascoli e da entrambi ci si aspetta una seconda parte di campionato all’altezza delle aspettative, soprattutto a livello di continuità di rendimento. I due sono osservati con molta attenzione dalla Serie A. Collocolo, in particolare, piace da tempo ad alcuni club di massima serie, motivo per cui – se continuerà la propria crescita – è probabile che già dalla prossima estate possa compiere il salto di categoria. Una sua cessione già in questa sessione di mercato è, al momento, poco probabile nonostante l’interesse di società come Salernitana, Torino e Monza. Da non escludere, invece, l’ipotesi (attualmente remota) che una di queste squadre decida di acquistarlo e di lasciarlo all’Ascoli fino al termine della stagione.

 

MERCATO – Dopo quello di Danilo Giacinto Ventola formalizzato due giorni fa, l’Ascoli ha ufficializzato un altro cambio di casacca di un proprio giovane. Si tratta di Francesco Luciani, che, dopo una prima parte di stagione con la maglia della Fermana, proseguirà la propria esperienza professionale nel Ravenna, compagine militante nel campionato di Serie D.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X