Quantcast
facebook rss

Ascoli, si torna a fare sul serio: a Terni con la carica dei 1.200 per ripartire subito forte

SERIE B - Il 2023 bianconero si apre dal “Liberati”, che sarà invaso dai supporters del Picchio. Mister Bucchi convoca il classe 2007 Lo Scalzo, saluta Buchel e avverte i suoi: «Voglio una squadra battagliera che suda la maglia». Confermato il 3-5-2: ballottaggio sulla corsia di destra, Gondo-Dionisi in avanti. Andreazzoli si schiera a specchio e si affida all’ex Favilli. Arbitra Irrati, calcio d’inizio alle 16,15
...

La squadra sotto la Curva al termine del match d’andata (foto Ascoli Calcio)

 

di Salvatore Mastropietro

 

Quasi venti giorni di stop sono serviti per ricaricare le pile fisiche e mentali, ma ora il sipario è pronto ad aprirsi di nuovo sul campionato dell’Ascoli. Domani, 15 gennaio alle ore 16,15, il cammino dei bianconeri riprenderà dal “Libero Liberati” di Terni in quello che sarà il primo impegno del 2023 e del girone di ritorno.

 

Messa alle spalle qualche polemica di troppo, il Picchio è pronto a ripartire dalla grande carica del proprio popolo. Saranno 1166 i tifosi che affolleranno gli spalti del settore ospiti dell’impianto umbro, che da anni ormai è teatro di veri e propri esodi da parte dei supporters ascolani.

 

Collocolo, a segno nel match d’andata (foto Ascoli Calcio)

Lo scorso anno proprio dal “Liberati” iniziò la splendida cavalcata verso il sesto posto e verso la qualificazione playoff firmata da Andrea Sottil. Il suo successore Cristian Bucchi spera di ripetere lo stesso percorso, ben consapevole che rispetto alla prima parte di stagione saranno numerose le cose da migliorare. Per ora un solo punto separa l’Ascoli dall’ottava posizione, che prima di questa giornata era occupata proprio dalla Ternana di Aurelio Andreazzoli (subentrato in corsa a Cristiano Lucarelli).

 

Bucchi (foto Ascoli Calcio)

«Abbiamo lavorato – ha affermato il tecnico bianconero nelle consuete dichiarazioni prepartita – sui numeri ottenuti a fine girone di andata, sappiamo che dobbiamo e possiamo migliorare molto, abbiamo margini importanti di crescita. Ci siamo preparati per la sfida di domani contro un avversario che ha cambiato allenatore e che ha avuto tempo di lavorare sulle idee del nuovo tecnico. Ci aspettiamo un avversario forte, una gara bella e tosta, voglio vedere il vero Ascoli, quello battagliero che suda la maglia e che piace ai tifosi. Sentiamo l’ondata di calore dei nostri tifosi, che ci hanno sempre seguiti. Venezia, Bolzano, Bari, ovunque siamo stati abbiamo avuto tanto supporto, giocheremo per noi stessi e per loro, dobbiamo onorare la maglia anche per la nostra gente».

 

Bucchi ha fatto anche una chiosa sul calciomercato attualmente in corso e sulla cessione ormai imminente di Marcel Buchel alla Spal: «Quando si gioca col mercato aperto è complicato, speriamo termini presto. Colgo l’occasione per ringraziare Salvi, ragazzo straordinario, non posso che parlarne bene, è capitata l’occasione giusta per lui e mi sembrava giusto assecondare il suo desiderio. Buchel in uscita? Marcel è un ragazzo per me importante e straordinario, non a caso era stato deciso di farlo capitano; a ottobre si è fatto male, ha fatto fatica a rientrare, intanto noi abbiamo trovato un po’ di equilibri. E’ stato molto chiaro al ritorno dalle vacanze, voleva un altro posto da cui ripartire e ricominciare, cercheremo di assecondare le sue volontà. Proveremo a portare all’Ascoli giocatori che vogliano venire fortemente qui, abbiamo le idee molto chiare, stiamo lavorando per il presente e il futuro».

 

Oltre al partente Buchel, Bucchi dovrà fare a meno del lungodegente Gnahoré e degli infortunati Ciciretti (alle prese con il solito problema muscolare) e Giordano (lussazione alla spalla). La sorpresa della vigilia è rappresentata dalla convocazione del classe 2007 Lo Scalzo, giovane promessa dell’Under 17 che in caso di esordio batterebbe il vecchio record di Scarafoni ma non quello attuale detenuto da Eleuteri.

 

Dionisi (foto Ascoli Calcio)

A livello tattico si riparte dal 3-5-2, su cui mister Bucchi ha continuato a lavorare con insistenza dalla ripresa della preparazione. Davanti a Leali, praticamente inamovibile il terzetto formato da Simic, Botteghin e Quaranta. Dopo la squalifica scontata contro la Reggina rientra Falasco sulla corsia sinistra, mentre sulla destra Donati è in vantaggio nel ballottaggio con Adjapong. In cabina di regia ci sarà Eramo con Collocolo e Caligara ai suoi lati. In avanti la coppia offensiva sarà composta da Gondo e Dionisi, con Mendes e Lungoyi pronti a subentrare. Anche Bidaoui aspetta la sua chance dopo il lavoro svolto regolarmente con il gruppo nelle ultime due settimane, nonostante i rumors di mercato.

 

Questi i 23 componenti della rosa partiti alla volta di Terni: Baumann, Guarna, Leali, Adjapong, Bellusci, Botteghin, Donati, Falasco, Quaranta, Simic, Tavcar, Caligara, Collocolo, Eramo, Giovane, Lo Scalzo, Bidaoui, Dionisi, Falzerano, Gondo, Lungoyi, Mendes, Re.

 

LE PROBABILI FORMAZIONI 

 

TERNANA (3-5-2): Iannarilli; Diakite, Sorensen, Mantovani; Defendi, Coulibaly, Di Tacchio, Palumbo, Corrado; Falletti, Favilli. Allenatore: Andreazzoli

 

ASCOLI (3-5-2): Leali; Simic, Botteghin, Quaranta; Donati, Collocolo, Eramo, Caligara, Falasco; Gondo, Dionisi. Allenatore: Bucchi

 

Arbitro: Irrati di Pistoia (Vecchi di Lamezia Terme e Massara di Reggio Calabria, quarto ufficiale Scarpa di Collegno, Var Banti di Livorno, Avar Longo di Paola)

 

Stadio: Liberati, ore 16,15

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X