facebook rss

Covid, nessun decesso nel Piceno
e nella Rsa di Ripatransone
arrivano i primi 6 pazienti

EMERGENZA CORONAVIRUS - Nella provincia di Ascoli non avveniva da diversi giorni. L'aggiornamento del Servizio Sanità regionale riferisce però di 7 decessi nelle Marche. Cresce anche il numero dei dimessi in regione, + 49 rispetto al giorno precedente. L'aggiornamento sui ricoveri nel Piceno

Foto d’archivio

Non ci sono stati decessi nel Piceno, nè di pazienti ricoverati negli ospedali della provincia, nelle ultime 24 ore e per cause legate al Coronavirus. Lo ha riferito il Servizio Sanità della Regione Marche nell’ultimo bollettino della giornata.

Nelle Marche però se ne sono contati 7, di cui 4 nella provincia di Ancona e 3 in quella di Pesaro Urbino. Le vittime avevano tra i 63 ed i 94 anni e tutti con patologie pregresse.

In regione il totale delle persone che non sono sopravvissute alle complicanze legate all’infezione da Covid sono 1.305, di cui 101 nella provincia di Ascoli. 

Novità invece per quanto riguarda la Rsa di Ripatransone. Riconvertita a struttura Covid, e per questo gli ospiti erano stati spostati in altra residente, non aveva potuto accogliere subito i contagiati bisognosi di assistenza sanitaria. Prima per i necessari lavori di adeguamento, poi per mancanza di personale che doveva essere trovato o addestrato.

Ciò nonostante, il bollettino dei ricoveri del Servizio Sanità della Regione Marche aveva contato oltre 40 ospiti. Era stata la dottoressa Maria Teresa Nespeca, responsabile della Rsa di Ripatransone in qualità di direttore del Distretto sanitario di San Benedetto, a chiarire la questione (leggi qui).

Nel frattempo l’Area Vasta 5 aveva emanato un avviso pubblico per reperire medici disponibili a prestare servizio nella struttura Covid (leggi qui), che da oggi, 3 dicembre, è entrata in funzione con i primi 6 pazienti.

Il bollettino giallo di oggi, quello appunto della situazione ricoveri nelle Marche, recita anche al “Mazzoni” di Ascoli non ci sono più persone ricoverate in terapia intensiva, mentre 2 sono al Pronto Soccorso. Restano ferme le 11 che erano al “Madonna del Soccorso” di San Benedetto. In semi intensiva, nel Piceno si contano 8 persone ad Ascoli e 12 a San Benedetto. Nei reparti non intensivi al “Mazzoni, nel reparto Pneumo-Covid diretto dal dottor Vittorio D’Emilio (leggi qui) ci sono 18 pazienti, 39 a San Benedetto divisi tra i reparti ex Geriatria ed ex Medicina, riconvertiti come da piano regionale per la gestione dell’emergenza.

Confortante oggi anche il numero complessivo dei dimessi dagli ospedali delle Marche: + 49 rispetto a ieri. 

 

 

Clicca qui per ingrandire l’immagine

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X