facebook rss

Covid e screening di massa,
pronti 2,2 milioni di test
«Dall’Anci aiuti per aree Drive in»

EMERGENZA CORONAVIRUS - Incontro tra l'associazione dei sindaci e l'assessore regionale Filippo Saltamartini. Venerdì i dettagli operativi dell'operazione che partirà il 18 dicembre nelle città con più di 20.000 abitanti. Ci si aspetta che si sottopongano alle analisi rapide 900.000 marchigiani

Anci_Saltamartini

L’incontro online con Anci Marche

 

In previsione dell’inizio dello screening di massa che riguarderà i marchigiani, l’assessore regionale Filippo Saltamartini ha chiesto l’incontro con il consiglio direttivo dell’Anci Marche per ottenere la collaborazione per agevolare l’esecuzione dello screening che inizierà venerdì 18 dicembre partendo dai comuni capoluoghi per poi procedere con i comuni con più di 20.000 abitanti. Si passerà poi a quelli con più di 10.000 abitanti, quindi più di 5.000 abitanti per concludere con i Comuni con meno di 5mila abitanti (leggi qui).

«Essendo stato per tanti anni membro del direttivo di Anci Marche so l’operatività di cui la struttura e i colleghi sono capaci – ha detto Saltamartini – e ringrazio la presidente Mancinelli per aver accolto prontamente la mia richiesta di incontrarvi oggi per chiedere la vostra collaborazione». I dettagli operativi saranno discussi venerdì quando saranno previste le assemblee di area vasta con tutti i sindaci del territorio, il dipartimento di Protezione Civile e l’Asur.

Filippo-Saltamartini-2-e1605624088847-325x180

Filippo Saltamartini, assessore alla Sanità

All’Anci Marche è richiesta «la collaborazione – ha aggiunto Saltamartini – per individuare le aree Drive-In nei Comuni dove consentire ai cittadini di recarsi per sottoporsi al tampone rapido antigenico senza scendere dalle proprie auto, la collaborazione degli uffici anagrafe dei comuni per segmentare tempi e modi per effettuare i tamponi rapidi e la massima diffusione attraverso i siti web e profili social dei comuni e dell’Anci dell’autocertificazione da compilare e firmare per sottoporsi volontariamente al test nella quale il cittadino dichiara di non avere i sintomi del contagio da Covid».

Secondo le stime sono circa 900.000 i marchigiani che dovrebbero accettare di sottoporsi al test «considerando – ha ricordato l’assessore regionale – la percentuale di circa il 70% di adesione da parte dei cittadini di Valle d’Aosta e Provincia Autonoma di Bolzano che hanno già effettuato una rilevazione di questo tipo. Abbiamo 2,2 milioni di test antigenici rapidi quindi basteranno certamente».

In caso di tampone rapido antigenico positivo poi il cittadino sarà sottoposto al tampone molecolare altrimenti nel caso di esito negativo, in pochi minuti riceverà il responso e potrà rientrare nel proprio domicilio.

Da parte dell’Anci Marche è giunta la piena e fattiva collaborazione. «Come Anci siamo pronti a fare la nostra parte come lo faremo, ciascuno nel proprio comune, in qualità di sindaci» ha detto Mancinelli a nome dei colleghi del consiglio direttivo.



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X