facebook rss

Piano vaccinale, l’accusa di Italia Viva:
«Dal centrodestra toni trionfalistici
ma siamo ultimi per gli over 80»

EMERGENZA CORONAVIRUS - Il coordinamento marchigiano del partito di Renzi: «In una delle regioni più longeve d’Italia e d’Europa doveva essere una priorità assoluta. Ritardo ingiustificato»
inizio-vaccinazioni-anti-covid-ospedale-di-civitanova-FDM-2-325x217

Vaccinazioni in corso

«Finalmente la giunta guidata da Francesco Acquaroli potrà vantarsi di un primato. Siamo tra le ultime regioni a partire e ad organizzarsi per il piano vaccinale over 80».

L’accusa arriva dal coordinamento Marche di Italia Viva in risposta al piano per gli over 80 presentato ieri dall’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini e dal governatore Francesco Acquaroli.

«Nella situazione in cui siamo il tempismo è fondamentale – incalzano i renziani -. A livello regionale chi prima uscirà da questa crisi, per primo ripartirà e questo darà un indubbio vantaggio sia da un punto di vista sanitario che economico. Vaccinare gli over 80, in una delle regioni più longeve d’Italia e d’Europa, doveva essere una priorità assoluta, così come ancora noi chiediamo a gran forza la vaccinazione prioritaria di tutti quei soggetti più deboli con particolare riferimento ai disabili, ai loro conviventi e a tutti coloro che per motivi professionali si trovano a contatto con questi soggetti fragili».

«Ma la cosa tragica e veramente preoccupante per la nostra comunità -proseguono- è che il centrodestra vive questo suo ritardo e immobilismo sul piano vaccinale come un trofeo, tanto da annunciare con toni trionfalistici un piano che parte con un ingiustificato ritardo e proprio in una regione dove il servizio sanitario e i medici di base attraverso le Usca, hanno sempre dato prova di grandissima professionalità e spirito di servizio. Si muova presidente Acquaroli, lei e tutta la sua giunta. Italia Viva dallo scorso mese di aprile, in piena pandemia, richiamava l’attenzione sulla velocizzazione di procedure che mettessero il Paese nelle condizioni di ripartire in sicurezza».

«Italia Viva sarà vigile su un tema così sensibile e darà il proprio fattivo contributo di idee come è dimostrato dagli accadimenti di politica nazionale -è la conclusione-. Troppe sono state le disattenzioni e le anomalie in questa sua gestione della pandemia. Poca trasparenza, troppi focolai covid nei nostri ospedali e totale assenza di comunicazione con i territori. Spero che in futuro la Regione Marche si faccia trovare pronta».

 

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X