facebook rss

«Sisma, nel 2021 altri 624 cantieri
per le opere pubbliche»

IL PUNTO del commissario Legnini nel Rapporto Ricostruzione 2020: «Le domande dei contributi pubblici per la riparazione dei danni alle abitazioni private e alle attività produttive, sono cresciute del 62%, da 12 a quasi 20 mila, per un importo complessivo richiesto di 5,6 miliardi di euro»
giovanni-legnini-e1604246674618-325x186

Giovanni Legnini

 

Sisma, le domande di ricostruzione presentate e approvate cresciute del 62%. Richiesti contributi per 5,6 miliardi, raddoppia la spesa erogata nel corso dell’anno. Nel 2021 previsti altri 624 cantieri per le opere pubbliche. E’ quanto si evince dal Rapporto ricostruzione 2020 elaborato dalla struttura del commissario Giovanni Legnini.  «Nel 2020 la ricostruzione del Centro Italia dopo i terremoti del 2016-17 ha avuto una forte accelerazione – si spiega nel rapporto – nonostante la pandemia, che ha imposto anche un blocco temporaneo dei cantieri, e alla decisiva evoluzione della normativa e delle procedure, che ha richiesto agli uffici e ai professionisti un adattamento». Le domande dei contributi pubblici per la riparazione dei danni alle abitazioni private e alle attività produttive, secondo il Rapporto 2020 sulla ricostruzione sono cresciute del 62%, da 12 a quasi 20 mila, per un importo complessivo richiesto di 5,6 miliardi di euro. Le istanze approvate, anch’esse cresciute del 62%, sono passate da 4.200 a quasi 7 mila, con la concessione di contributi per 1,62 miliardi di euro. Le somme effettivamente erogate sulla base dello stato di avanzamento dei lavori nei cantieri hanno segnato un progresso ancora più accentuato, e sono più che raddoppiate rispetto a fine 2019, passando da 303 a 709 milioni di euro. L’andamento positivo è confermato nei primi due mesi del 2021, con i contributi erogati per 88 milioni di euro. «Decisive per l’accelerazione – spiega la struttura del commissario – sono state l’Ordinanza 100, che ha rivoluzionato le procedure ed accorciato drasticamente i tempi di concessione dei contributi, e la 107, che di fatto sbloccato la ricostruzione dei comuni più colpiti, introducendo i Programmi Straordinari, che sono in corso di adozione in una trentina di comuni del cratere». Si registrano progressi anche sul fronte delle opere pubbliche, la cui realizzazione, finora sostanzialmente bloccata, viene favorita dal pacchetto di semplificazioni introdotto dal governo, che contempla anche poteri straordinari per il Commissario. Le stazioni appaltanti delle 1.288 opere pubbliche contenute nel nuovo elenco unico, finanziato con 1,8 miliardi, hanno appena provveduto a trasmettere al Commissario il cronoprogramma dei lavori, in base ai quali si prevede l’avvio entro il 2021 di 624 nuovi cantieri. Nel 2020 la spesa per le opere pubbliche è stata di 60 milioni di euro, con un incremento del 32% sull’anno precedente. Il Rapporto 2020 fa il punto sull’andamento della ricostruzione pubblica e privata, per la prima volta anche in relazione ai danni stimati per ciascuno dei 138 comuni del cratere sisma 2016, e contiene specifici approfondimenti sulla situazione del personale addetto alla ricostruzione, sui nuovi presidi di legalità ed i controlli Anac, sul Recovery Fund per le ricostruzioni, sugli studi attualmente in corso delle faglie e dei dissesti idrogeologici del territorio, sull’attività del Servizio di assistenza rivolto ai professionisti e ai cittadini. Al Rapporto è allegato un piccolo Dizionario della ricostruzione, che sottolinea le parole chiave della nuova strategia che si è delineata per la ripartenza del Centro Italia, una sintetica rassegna dei principali provvedimenti normativi varati nel 2020 che l’hanno resa possibile, un breve compendio delle 20 Ordinanze emesse nell’anno, tutte approvate all’unanimità dalla Cabina di coordinamento con i governatori e sindaci delle quattro regioni colpite dal sisma, e dei pareri emessi dall’Ufficio Giuridico. «Nel corso del 2020 sono andati definendosi, facendo leva sulle decisive misure varate dal Governo e dal Parlamento, i contorni di una strategia per ricostruire e far ripartire i territori investiti dalla doppia emergenza, che nel 2021 potrà trovare compiuta attuazione – scrive il Commissario Legnini nell’Introduzione al Rapporto 2020 – I cardini per promuovere questa visione sono quelli della semplicità delle regole, della loro chiarezza e stabilità, di un modello di ricostruzione di qualità, sicuro e sostenibile, dell’integrazione della ricostruzione materiale degli edifici con iniziative di rinascita economica e sociale di questi territori».

Qui il rapporto completo con i dati dei singoli Comuni

 

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X