facebook rss

Caos continuo in casa Samb:
presentate in Tribunale
sei istanze
di fallimento del club

SERIE C - Al via la procedura fallimentare della società, ma intanto si registra l'interessamento del patron della Reggina, Luca Gallo. Le parti si sono incontrate per valutare attentamente il bilancio del sodalizio rivierasco

Il Tribunale di Ascoli

di Benedetto Marinangeli

Non c’è tempo di gioire per la vittoria nel recupero contro la Triestina, che la Samb vede l’inizio della sua fine per quanto riguarda il futuro societario. Sono cinque le istanze di fallimento (tra queste anche gli hotel Villa Aniana di Massignano sede del ritiro pre campionato e l’hotel San Giacomo di Monteprandone dove i rossoblù andavano alla vigilia degli incontri casalinghi) nei confronti del club del Riviera delle Palme presentata dall’avvocato Mario Pianesi.

Domenico Serafino

In un primo momento dovevano essere sei ma poi un creditore del club del Riviera delle Palme sembra si sia tirato indietro dopo un colloquio telefonico con il presidente Domenico Serafino ed i suoi più stretti collaboratori che gli avrebbero garantito il pagamento del credito.

A queste si aggiunge l’istanza della ditta Arte Verde Giardini di Eliano D’Angelo che si è occupata del rifacimento del terreno di gioco del “Samba Village”. Il presidente Serafino aveva promesso che entro oggi avrebbe sanato la situazione ma non l’ha fatto, inviando solo una mail cui D’Angelo ha risposto picche dopo le tante promesse mai mantenute. Ora la palla passa al giudice del Tribunale di Ascoli la dottoressa Francesca Calagna che dovrà valutare gli atti per poi dare seguito alla procedura. Probabile, a questo punto, anche l’opposizione da parte dei legali di Serafino.

Il produttore musicale italo-argentino in queste ore starebbe cercando attraverso i suoi collaboratori i numerosi creditori della Samb a recedere dalle loro intenzioni contattandoli telefonicamente e promettendo loro che a breve risolverà tutto.

Ma ormai le chiacchiere stanno a zero e si avvicina ad ampie falcate anche il giorno i cui Maxi Lopez e compagni si svincoleranno d’ufficio trascorsi i venti giorni dall’ inizio della messa in mora del club. E la data è domenica 10 aprile. Se Serafino vorrà mantenere la rosa della Samb dovrà provvedere a pagare le quattro mensilità in arretrato entro la giornata di domani, ultimo giorno di apertura degli istituti di credito.

Luca Gallo

Intanto in città gira con insistenza il nome del patron della Reggina Luca Gallo come potenziale acquirente della Samb. L’interessamento dell’ imprenditore romano è reale anche perché tre anni fa era vicinissimo al club rossoblù con l’accordo che era stato praticamente raggiunto. Poi Fedeli si tirò indietro e Gallo dirottò i suoi interessi verso Reggio Calabria. Oggi il suo nome è tornato in auge anche perché i rappresentanti delle parti si sono incontrati per guardare i documenti sociali della Samb.

Il progetto di Gallo è quello di portare la Reggina in Serie A ed allo stesso tempo quello di risollevare le sorti del club rossoblù. Secondo indiscrezioni l’imprenditore romano sarebbe ben contento di intervenire nella Samb, a patto però che i conti siano chiari e che la città sia d’accordo sul suo arrivo. Insomma ora dipenderà da ciò che uscirà fuori dal summit tra i tecnici amministrativi e finanziari e conseguentemente dall’effettivo bilancio del club del Riviera delle Palme.

Serie C alla quart’ultima di campionato




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X