facebook rss

Ascoli a testa bassa verso il rush finale
Domani recupera il Pordenone,
prima delle tre gare che mancano all’appello

SERIE B - Per la squadra di Sottil, lavoro tattico al "Del Duca". Il tecnico spera di avere tutti al massimo della condizione per il rush finale di quattro gare in dieci giorni. Domani occhi puntati sulla gara dei diretti concorrenti per la salvezza, impegnati nel recupero contro il Pisa

di Salvatore Mastropietro

La settimana di stop del campionato di Serie B dovuta al caso Pescara si è trasformata in un’intensa settimana di lavoro per l’Ascoli. La squadra di Andrea Sottil sembrava aver preso il volo con le tre vittorie consecutive arrivate prima dello stop forzato del torneo. È fondamentale, dunque, non perdere quello slancio necessario per affrontare al meglio il rush finale decisivo.

Sottil a colloquio con il vice Baroncelli

Quando mancano ormai quattro partite al termine della regular season (1, 4, 7 e 10 maggio), prosegue senza sosta la preparazione del gruppo bianconero. Oggi, venerdì 23 aprile, la squadra si è allenata al “Del Duca”. Come negli ultimi giorni, mister Sottil ed il suo staff tecnico hanno continuato a focalizzarsi sull’aspetto tattico. La seduta si è basata sia su esercitazioni relative alla fase difensiva, sia alla fase offensiva. Il lavoro continuerà domani mattina, sabato, sempre allo stadio.

Se da una parte c’è il rischio di perdere un po’ quella brillantezza e quella carica che hanno caratterizzato le ultime prestazione dei bianconeri, dall’altra c’è la possibilità di far recuperare la forma a tutti gli elementi della rosa. Tra questi Avlonitis e Saric, che nell’ultimo match contro la Spal hanno accusato rispettivamente un’edema al collaterale e una contusione. Anche Kragl è progressivamente sulla via del rientro e del recupero della condizione, così come Fabrizio Cacciatore, finora impiegato solo per una decina di minuti contro il Monza.

Ad una settimana dal ritorno in campo e dei decisivi ultimi dieci giorni di campionato, domani la squadra bianconera guarderà con in interesse un recupero particolarmente importante in chiave salvezza, prima delle tre gare che mancano all’appello. Il Pordenone se la vedrà col Pisa al “Teghil” di Lignano Sabbiadoro. Dopo la vittoria sul Frosinone, la squadra di Maurizio Domizzi – subentrato all’ex bianconero Tesser – vuole continuare a conquistare punti pesanti per tirarsi fuori dalla zona calda. Se dovesse arrivare un ko, i neroverdi, attesi nel rush finale da due scontri diretti fondamentali contro Reggiana e Cosenza, resterebbero a sole tre lunghezze di vantaggio sulla zona playout.

I RECUPERI: sabato 24 aprile ore 16 Pordenone-Pisa; martedì 27 aprile ore 14 Pescara-Entella; martedì 27 aprile ore 16 Empoli-Chievo

LA CLASSIFICA: Empoli 66 punti, Lecce 61, Salernitana 60, Monza 55, Venezia 53, Spal e Cittadella 50, Chievo 48, Reggina 47, Brescia 44, Cremonese e Pisa 43, Vicenza 41, Frosinone e Pordenone 40, Ascoli 37, Cosenza 32, Reggiana 31, Pescara 28, Entella 22




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X