facebook rss

Ascoli, la corsa salvezza riparte da Ferrara:
con la Spal serve un’altra prova di forza

SERIE B - La 34esima giornata di B si apre con la sfida del "Paolo Mazza". In casa bianconera c'è tanta voglia di allungare la striscia positiva. Sottil perde Kragl ma recupera Pucino. Rastelli avverte i suoi: «Non affrontiamo una squadra da retrocessione». Arbitra Giacomelli, calcio d'inizio alle 21

di Salvatore Mastropietro

Riparte da Ferrara la corsa salvezza dell’Ascoli, dopo due vittorie consecutive ottenuto contro Vicenza e Monza che hanno rilanciato di molto le ambizioni. Nell’anticipo della 34esima giornata i bianconeri saranno ospiti della Spal allo Stadio “Paolo Mazza”, impianto storicamente ostico per la compagine picena. Quando mancano ormai solo cinque partite al termine del campionato, la sfida contro gli estensi assume un’importanza cruciale per la squadra di mister Sottil, che all’andata esordì sulla panchina del Picchio con un insperato 2-0 con doppietta di Sabiri.

L’esultanza dei bianconeri all’andata

Di fronte l’Ascoli troverà un avversario attrezzato come la Spal. Dopo i tanti alti e bassi riscontrati da inizio campionato, la formazione biancazzurra ha ritrovato fiducia e punti con l’approdo in panchina di Massimo Rastelli al posto di Pasquale Marino. La vittoria della scorsa giornata sul campo del Lecce ha dato ancora più lustro al momento positivo degli estensi, che ora vogliono continuare la striscia di risultati positivi per blindare la corsa playoff e provare ad inseguire le ultime flebili speranze di promozione diretta.

Diversi temi sul tavolo, dunque, alla vigilia di una partita fondamentale da entrambe le parti. Nel momento decisivo entrambe sanno che la posta in palio è piuttosto elevata. E lo sanno anche l’Aia e la Lega B, dato che per l’occasione è stato designato un arbitro abituato alla Serie A come Piero Giacomelli.

Sottil con il vice Baroncelli

QUI ASCOLI – Dopo aver recuperato le forze fisiche e mentali spese nell’esaltante vittoria sul Monza, i bianconeri hanno cercato di resettare tutto per preparare al meglio la delicata partita del “Paolo Mazza”. Negli ultimi giorni mister Andrea Sottil ha lavorato parecchio sulla tattica e sulla strategia di gioco, che a questo punto del campionato diventano parecchio importanti assieme all’aspetto caratteriale e motivazionale. La sensazione è che si continui sulla strada del 4-3-1-2, modulo diventato ormai l’identità chiara dell’Ascoli del tecnico piemontese.

Sarà ancora Dionisi a guidare l’attacco

Recuperato Pucino dopo il problema alla spalla accusato contro il Monza, mister Sottil – che si è chiuso alla vigilia del match in un silenzio che sa quasi di “scaramanzia” – deve però fare i conti con il forfait di Oliver Kragl, ai box per un problema muscolare. Al suo posto è pronto D’Orazio, autore dell’assist per il gol decisivo di Saric nell’ultimo match. Per il resto, restano da risolvere un paio di ballottaggi. In primis quello al centro della difesa con Avlonitis e Quaranta, che vede il greco favorito dopo le ottime recenti prestazioni. A centrocampo, invece, sono Eramo e Caligara a giocarsi una maglia da titolare. In avanti scalpita Riad Bajic dopo due panchine consecutive, ma è probabile che venga rinnovata la fiducia alla coppia Dionisi-Bidaoui, assistita sulla trequarti da Sabiri.

In tutto sono 25 i calciatori partiti in giornata per Ferrara. Oltre a Kragl, torna indisponibile anche Stoian: Leali, Sarr, Venditti, Avlonitis, Brosco, Cacciatore, Corbo, D’Orazio, Pinna, Pucino, Quaranta, Buchel, Caligara, Danzi, Eramo, Mosti, Sabiri, Saric, Bajic, Bidaoui, Cangiano, Charpentier, Dionisi, Parigini, Simeri.

Rastelli

QUI SPAL – La vittoria conquistata nell’ultimo turno sul campo del Lecce ha dato una bella spinta alla formazione biancazzurra in vista del rush finale. Ci ha pensato mister Rastelli alla vigilia a riportare tutti coi piedi per terra prima di una gara a suo avviso molto difficile: «La partita di domani è la più difficile che andremo ad affrontare tra quelle che mancano. Da adesso dovremo avere un grandissimo rispetto dell’Ascoli, che da quando è subentrato Sottil sta facendo un grandissimo lavoro. Non sono una squadra da retrocessione ed i risultati conquistati recentemente stanno lì a dimostrarlo. Dovremo avere lo stesso atteggiamento messo in campo a Lecce per fronteggiare le insidie di una gara del genere. Crediamo ancora al secondo posto, ma per farlo bisogna conquistare tutti i punti possibili, a partire da domani».

Dal punto di vista degli uomini a disposizione mister Rastelli deve fare i conti con le assenze per squalifica di Mora e dell’ex di turno Sernicola. L’altro ex passato da Ascoli nella passata stagione, Luca Ranieri, è invece candidato ad una maglia da titolare. Per il resto, il tecnico ex Cagliari potrà contare sul recupero di elementi offensivi importanti come Asencio e Floccari, che si vanno ad aggiungere all’imprevedibilità di Strefezza e Di Francesco. Gli occhi del Picchio dovranno essere puntati soprattutto su Valoti (10 gol in stagione).

LE PROBABILI FORMAZIONI

SPAL (4-3-1-2): Berisha; Dickmann, Okoli, Ranieri, Tomovic; Segre, Viviani, Missiroli; Valoti; Di Francesco, Floccari. Allenatore: Rastelli.

ASCOLI (4-3-1-2): Leali; Pucino, Brosco, Avlonitis, D’Orazio; Saric, Buchel, Eramo; Sabiri; Dionisi, Bidaoui. Allenatore: Sottil.

Arbitro: Giacomelli di Trieste (assistenti Mondin di Treviso e Mastrodonato di Molfetta; quarto ufficiale Amabile di Vicenza).

Stadio: Paolo Mazza, ore 21.

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X