Quantcast
facebook rss

A14, riaperto il tratto maledetto
Ci sono 9 chilometri di coda
Altro incidente sulla Ascoli-mare

AL MOMENTO il traffico transita in deviazione sulla careggiata opposta a seguito dell’installazione di un by-pass. Tra San Benedetto e Grottammare, in direzione nord, si circola a passo d'uomo. Ancora problemi alla viabilità del Piceno per un sinistro all'altezza di Monteprandone
...

di Luca Capponi

 

È stato riaperto al traffico il tratto dell’autostrada A14 tra San Benedetto e Grottammare. La chiusura si era protratta per diverse ore, in direzione nord, dopo l’incidente avvenuto intorno all’ora di pranzo che ha coinvolto tre mezzi pesanti ed ha portato a un bilancio tragico: due morti ed un ferito grave.

Mezzi in coda sulla statale Adriatica nella giornata nera di lunedì 28 giugno

Al momento il traffico transita in deviazione sulla careggiata opposta a seguito dell’installazione di un by-pass realizzata dai tecnici della Direzione di tronco di Autostrade per l’Italia e si registrano 9 chilometri di coda.

Agli utenti viene distribuita acqua e prevista distribuzione di generi di conforto per gli autisti dei mezzi pesanti al momento in attesa di defluire, una volta alleggerito il flusso di veicoli leggeri.

Ma la giornata infernale, che ha portato al collasso della viabilità in tutte le principali arterie del Piceno (tra cui la statale Adriatica) anche a causa di altri incidenti di minore entità, non è ovviamente finita, purtroppo. Poco fa, intorno alle 18,15, si è registrato un altro incidente lungo il raccordo autostradale Ascoli-mare, in direzione San Benedetto, all’altezza dell’uscita di Monteprandone. Per ora sembra senza gravi conseguenze per nessuno, ma con altri disagi per gli automobilisti.

Il tragico tamponamento sulla A14: sono di Jesi e Cepagatti (Pescara) i due camionisti morti in autostrada

Inferno sulla A14, il Piceno in ginocchio La giornata più nera: due morti ed un’apocalisse annunciata

Inferno A14, schianto tra tre tir: due morti e mezzi in fiamme (Le foto della tragedia)




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X