Quantcast
facebook rss

Ascoli, Matt Rizzetta è arrivato in città:
subito visita al “Picchio Village”
in attesa delle prime parole in pubblico

SERIE B - Il nuovo comproprietario, presidente di "North Sixth Group", è sbarcato per la prima volta sotto le "Cento Torri", accompagnato dalla sua stretta collaboratrice Daniela Mancinelli. Venerdì sarà al "Ventidio Basso" per l'incontro con i partner, poi assisterà ai match con Lecce e Frosinone. A tre giorni dal match contro i salentini ha parlato Dario Saric: «Gara che servirà a capire chi siamo»
...

di Salvatore Mastropietro

Le polemiche che hanno fatto seguito alle inattese dimissioni di Fabio Lupo dalla poltrona di direttore sportivo devono essere messe da parte. Nel mirino dell’Ascoli c’è l’importante match di sabato contro il Lecce, che dopo un inizio a rilento ha cominciato a ingranare battendo nell’ordine Crotone (0-3), Cittadella (1-2) e Monza (3-0). Non sarà dunque facile per la squadra di mister Andrea Sottil, che in vista della gara contro i salentini potrà contare sugli spalti di due tifosi in più.

Matt Rizzetta (al centro) con Daniela Mancinelli (a destra) e Claudio Tanzi (a sinistra)  (Foto ASCOLI CALCIO)

Si tratta di Matt Rizzetta e Daniela Mancinelli, rispettivamente presidente e importante figura manageriale della “North Sixth Group”, Holding statunitense che lo scorso 1 settembre è entrata ufficialmente a far parte della società bianconera con l’acquisto del 31% delle quote. Rizzetta, imprenditore italo-americano e fondatore della compagnia comproprietaria del club, è arrivato per la prima volta sotto le “Cento Torri”. La sua stretta collaboratrice, invece, era già stata in città in occasione dell’esordio in campionato contro il Cosenza, come testimonia uno scatto che la ritrae assieme a Massimo e Roberta Pulcinelli.

Daniela Mancinelli al “Del Duca” con Roberta e Massimo Pulcinelli

I due non hanno perso tempo e nel primo pomeriggio si sono subito recati in visita al “Picchio Village”, dove si è svolta la seduta pomeridiana agli ordini di Andrea Sottil. Sono stati accolti da Claudio Tanzi, direttore generale proposto proprio da “North Sixth Group” al posto di Piero Ducci, e hanno poi visitato l’esterno della struttura. Rizzetta e Mancinelli saranno protagonisti dell’incontro con i partner che si terrà venerdì pomeriggio al “Teatro Ventidio Basso” alla presenza di tutti i principali quadri societari del club. Sabato, poi, saranno sugli spalti del “Del Duca”. Dovrebbero restare in Italia per circa una decina di giorni, motivo per cui è in programma anche la loro presenza allo “Stirpe” di Frosinone per il match di sabato 23 ottobre.

PICCHIO VILLAGE – La seduta odierna di lavoro è stata incentrata su circuiti di reattività, possesso palla, partite a tema e partita a tutto campo. Domani alle 10,30 è previsto un allenamento al Picchio Village. In serata squadra e staff si raduneranno all’Hotel La Corte del Sole per iniziare il consueto ritiro prepartita con un giorno d’anticipo. Venerdì mattina è fissata la rifinitura sempre al centro sportivo.

Saric

A tre giorni dalla sfida contro il Lecce ha parlato ai microfoni della società Dario Saric: «Sicuramente sarà una partita importante, difficile, che può farci capire chi siamo, a cosa possiamo puntare. Il Lecce è una delle candidate alla vittoria, dovremo affrontarlo mettendo in pratica le indicazioni del Mister, siamo pronti, stiamo preparando bene la gara. Pensiamo a una partita alla volta, in B non esistono partite facili o difficili, è chiaro che in questo mese affrontiamo squadre fra le più forti del campionato, quindi dobbiamo continuare con umiltà e voglia, cercando di tirare fuori le nostre qualità. Contro il Lecce servirà non perdere nessun contrasto, cercare di vincerne il più possibile perché le partite passano di lì, dai passaggi riusciti, dalla parte tecnica, atletica, dai contrasti, quindi dobbiamo solo cercare di fare meglio degli avversari».

Il problema alla caviglia dovrebbe essere alle spalle

Il centrocampista classe 1997 ha poi parlato delle proprie condizioni e delle proprie ambizioni: «Stiamo continuando a lavorarci insieme allo staff medico, il problema alla caviglia sta migliorando sempre più. A livello di squadra il percorso è iniziato con l’arrivo del Mister a dicembre dello scorso anno e questa stagione è stata la prosecuzione del lavoro già iniziato, la maggior parte della squadra è rimasta, quindi si è trattato di far amalgamare i nuovi su una base di mentalità che c’era già. Un obiettivo personale ce l’ho sicuramente, devo migliorare su alcuni aspetti su cui sto lavorando col Mister e lo staff tecnico, voglio fare un salto di qualità in più. Nazionale? Mi farebbe piacere tornare a far parte del gruppo che si gioca le qualificazioni ai Mondiali, per me è stato un grande onore farne parte, una chiamata inaspettata, un’emozione unica poter indossare quei colori, continuo a lavorare, spero mi richiamino».

In occasione della sfida di sabato dovrebbe esserci il ritorno degli Ultras sugli spalti: «Non vediamo l’ora, siamo felicissimi che tornino i tifosi, conosciamo la nostra tifoseria e avere uno stadio pieno ci può dare quel qualcosa in più per vincere le partite. Il ritorno degli ultras in una sfida come quella col Lecce è fondamentale».




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X