Quantcast
facebook rss

Samb, un nodo da sciogliere: prima il diesse o l’allenatore?

SERIE D - Dovrà farlo in tempi  brevi il presidente Renzi che sta già lavorando su entrambi i tavoli per arrivare a una soluzione ottimale. In attesa della sentenza del Tar del Lazio, il numero uno del club rossoblù presenterà intanto la domanda di ripescaggio in C
...

 

Il presidente Renzi

di Benedetto Marinangeli

 

Prima il direttore sportivo o l’allenatore? E’ questo il nodo gordiano che il presidente Renzi è chiamato a sciogliere in tempi brevi. E cioè se  scegliere prima il dirigente addetto alla costruzione della nuova squadra o il tecnico cui affidare la Samb. Renzi sta lavorando su entrambi i tavoli per arrivare al più presto ad una soluzione ottimale per il club del Riviera delle Palme. Tutto ruota anche sulla sentenza del Tar del Lazio sulla mancata ammissione della Samb al campionato di Serie C 2021-2022. Il Tribunale Amministrativo dovrebbe esprimersi nei primissimi giorni della prossima settimana.

 

Renzi inoltre, presenterà anche domanda di ripescaggio, una situazione che rischia di dilatare ulteriormente i tempi per la programmazione ma che allo stesso tempo non garantisce alla Samb la certezza di tornare in C. Ci son infatti dei paletti imposti dalla Figc ma allo stesso tempo si deve sperare che ci sia la classica ecatombe di formazioni che non si iscriveranno al prossimo campionato. Ed ecco, quindi che sarà meglio concentrarsi sul prossimo campionato di Serie D. A meno di clamorosi colpi di scena che tutta la tifoseria si augura, sarà questo il torneo in cui la Samb militerà nel prossimo campionato.

 

Ed ecco, allora che Renzi deve completare lo staff tecnico. Stefano Visi ha dichiarato apertamente di volere tornare ad allenare i portieri con Sante Alfonsi che alla luce dei buoni risultati ottenuti potrebbe anche ricevere offerte da altre formazioni di categoria o tornare a dirigere la juniores nazionale. Ecco, quindi, che si infittiscono gli incontri. Nei giorni passati Renzi  si sarebbe incontrato con Carmine Parlato nella scorsa stagione in Serie C con il Trento. Un primo incontro conoscitivo conclusosi con l’intenzione da parte di entrambi di risentirsi a brave. Il tecnico campano, però, è anche nel mirino di Torres e Catania.

 

Inoltre ci sarebbe stato anche un contatto con l’ex Viterbese Francesco Punzi ed in ballo ecco pure lo zemaniano Giacomo Modica ex tecnico di Casale, Cavese, Vibonese e Messina. Insomma si sta procedendo ai primi approcci per arrivare entro breve tempo ad una decisione definitiva.

 

Per quanto riguarda, invece, il direttore sportivo, salgono le quotazione dell’ex Rieti Riccardo Solaroli che già a dicembre è stato uno dei consiglieri di Renzi nella rivoluzione adottata dalla Samb che poi ha portato alla vittoria nei play off. Tra i papabili c’è anche l’ex Carpi Andrea Mussi che nella passata stagione ha lavorato nel Siena come capo dell’area scouting.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X