Quantcast
facebook rss

Sanità pubblica in subbuglio nel Piceno e nelle Marche, i lavoratori: «Una riforma che sia condivisa»

ASCOLI - Il disagio emerso nella manifestazione di Ancona, si specchia con la difficile situazione dell'Area Vasta 5, dove persiste lo stato di agitazione, ma anche la spaccatura tra i sindacati, seppure accomunati dallo stesso malessere
...

 

di Maria Nerina Galiè

Sanità pubblica in subbuglio, nelle Marche e nel Piceno, dove i sindacalisti non si arrendono alle disparità economiche che lamentano, rispetto ai colleghi del resto della regione, dove però il “lamento” è corale, come pure la richiesta di aprire i tavoli territoriali.

 

Richiesta che in Area Vasta 5, dove permane lo stato di agitazione del comparto, non è stata esaudita dopo le convocazioni annullate: il 9 novembre per il sisma ed il 22 novembre perché non c’era il numero sufficiente dei rappresentati dei lavoratori (alcune sigle avevano deciso di disertare).

 

PRECARI – Sul fronte del precariato, che in ambito regionale riguarda circa 400 persone (come è stato ricordato alla manifestazione di oggi nel capoluogo dorico), in Area Vasta 5 arrivano buone notizie: i contratti in scadenza al 31 dicembre saranno prorogati fino al 30 aprile 2023.

Lo annunciano i sindacalisti di Cgil (Viola Rossi), Cisl (Giorgio Cipollini) e Uil (Paolo Sabatini) che – nel precisare il persistere dello stati di agitazione – commentano: «Un primo risultato ottenuto grazie allo sforzo profuso, in risposta alle istanze avanzate dai lavoratori e dai territori, cui dovranno seguire ulteriori riscontri in merito alle risorse da destinare al personale dipendente». 

 

Sono tante altre infatti le criticità che pesano sui lavoratori di Area Vasta 5 e tanti i nodi da sciogliere, alcuni dei quali stanno anche dividendo le organizzazioni sindacali, come gli Incarichi di funzione.

 

Si tratta di una trentina di figure professionali – tra coordinatori (ex caposala) e Posizioni Organizzative (un ruolo intermedio tra dirigenti e coordinatori) – che mancano nella Sanità picena.

 

La direzione di Area Vasta 5 ha presentato una proposta di organigramma ed è stata stabilita la data dei relativi concorsi per andare a ricoprire quei ruoli, da tutti i sindacalisti giudicati di fondamentale importanza.

Ma Nursing, Nursind Up e Usb non sono d’accordo sulle modalità.  

E mancato il passaggio con i sindacati per la ripartizione del fondo – «c’è capienza?», si chiedono i segretari territoriali – e, soprattutto, sulla “fretta” di assegnare questi posti, proprio adesso che l’Asur, e quindi anche l’Area Vasta 5, sono alla fine. Il primo gennaio la Sanità pubblica territoriale sarà gestita in maniera autonoma con le Aziende Sanitarie Territoriali.

 

Insomma, il passaggio da Area Vasta e Ast non avverrà in un clima idilliaco.

 

La manifestazione ad Ancona

IL PRESIDIO AD ANCONA –  A manifestare sono state circa 150 persone che racchiudevano un’ampia e numerosa rappresentanza di tutte le realtà del servizio sanitario regionale.

Lavoratori, Rsu e sindacati chiedono dunque che «l’applicazione della riforma della Sanità marchigiana sia condivisa, territorio per territorio; che si dia priorità al personale; che si garantiscano le stabilizzazioni e si sviluppi un modello di relazioni sindacali che vedano costanti confronti con le rappresentanze dei lavoratori».

 

I lavoratori, «stremati da due anni di pandemia – fanno sapere Cgil, Cisl e Uil – chiedono risorse adeguate nei Fondi di Produttività, valorizzazione delle professionalità e piena applicazione dei contenuti del nuovo Ccnl. 

Alla Regione si chiede pertanto l’immediata apertura di tavoli regionali e territoriali in grado di dare risposte alle legittime istanze dei lavoratori e disegnare la Sanità marchigiana del prossimo futuro, che deve vedere i lavoratori protagonisti e non può prescindere – concludono – da stabilizzazione degli oltre 400 precari in scadenza al 31 dicembre e dalla proroga delle graduatorie in essere».

 

 

Articoli correlati:

Salario accessorio, i sindacati dell’Area Vasta 5 non mollano: «Circa 200 precari da stabilizzare» (Video)

Vertenza Area Vasta 5, infermieri e oss incroceranno le braccia il 16 dicembre

I problemi della Sanità picena sul tavolo della Provincia, Loggi: «Vi daremo voce nell’Assemblea dei sindaci»

L’ira di Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Fials: «Dall’Asur zero risposte per 200 contratti precari, proseguiamo con la mobilitazione»

Sanità, sindacati in rivolta: «Subito una soluzione, o proclamiamo lo sciopero»

«Ecco le nostre ultime gocce di sangue»: va in scena la protesta di Nursind, Nursing Up e Usb (Foto e video)

Area Vasta 5, cresce la protesta dei lavoratori: presidi il 24 ed il 29 novembre

Area Vasta 5, «Ancora nessuna risposta o riconvocazione in Regione»: al via una nuova manifestazione di protesta  

Area Vasta 5, Ameli: «Sacrosanta la protesta dei lavoratori e noi siamo con loro»  

Area Vasta 5, a vuoto il tentativo di mediazione: i sindacati confermano lo stato di agitazione

Sisma, salta l’incontro in Regione con i sindacati di Area Vasta 5: ma alcuni si erano già tagliati fuori

Infermieri e oss “incatenati” davanti al “Mazzoni”: in tanti alla manifestazione di Nursind, Nursing Up e Usb (Video e foto)

Fallito il tentativo di conciliazione tra Area Vasta 5 e sindacati: continua la mobilitazione

Incarichi di funzione, pomo della discordia tra sindacati: «In attesa dell’Ast, dobbiamo prepararci ad una gestione provvisoria»

Incarichi di funzione in Area Vasta 5, ma non tutti sono d’accordo: «Il fondo non è stato contrattato e sono altre le priorità»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X