Quantcast
facebook rss

Samb, un film già visto: a dicembre stagione quasi finita, speranze al minimo storico

SERIE D - Ampio il divario da recuperare alla capolista Pineto, così come nella passata stagione quando i rossoblù erano a -21 dalla Recanatese
...

 

Torromino (foto Sambenedettese Calcio)

di Benedetto Marinangeli

 

Ciak si replica. Un film già visto e con prossimi anche i titoli di coda. Da un anno a questa parte il lungometraggio che vede protagonista la Samb ha lo stesso canovaccio. A dicembre il campionato dei rossoblù, almeno per quanto riguarda il primo posto in classifica è bello che terminato. The end. I numeri sono impietosi.

 

Nel dicembre 2021, alla quindicesima giornata, la Samb aveva totalizzato 15 punti e si trovava addirittura a ventuno lunghezze di distacco dalla capolista Recanatese (36) che poi vinse il campionato. Certo ci fu la grande rimonta dei rossoblù con Alfonsi e Visi in panchina che portò anche alla vittoria dei playoff. Ma la sostanza delle cose poi, non cambiarono più di tanto con la Samb che non fu ripescata. Anzi si piazzò nelle ultime posizioni della speciale graduatoria per rientrare in Serie C. Cosa sfruttata poi al meglio dalla Torres.

 

Mister Alfonsi (foto Sambenedettese Calcio)

Nel 2022 le cose non sono poi cambiate di molto. Oggi la Samb ha 19 punti in classifica con due di vantaggio sulla zona play out e ben quindici da recuperare alla capolista Pineto che guida il girone a quota 34. Un divario rilevante, talmente ampio che non lascia spazi a dubbi. Anche in questo campionato la formazione rossoblù è destinata a recitare un ruolo da comprimario, nonostante che ancora si sia in piena fase di calcio mercato.

 

Ma se nel 2021 la Samb, dopo le traversie estive, partì in netto ritardo ecco che quest’anno si può parlare anche di fallimento tecnico. La dirigenza rossoblù con il presidente Roberto Renzi in testa ha avuto tutto il tempo per preparare una squadra che potesse essere protagonista. Ma gli errori commessi in sede di costruzione della squadra, i calciatori che alla resa dei conti non stanno incidendo più del dovuto, un cambio di allenatore che non ha determinato la classica scossa, ed ecco questa situazione, ad oggi, difficilmente recuperabile.

 

Alla fine del girone di andata mancano due partite. Il match interno con la rivelazione Vigor Senigallia di domenica prossima al Riviera e poi la trasferta di Avezzano di mercoledì 22 dicembre. Due gare e poi si potrà trarre un bilancio definitivo ma già i numeri sono impietosi e non danno adito a speranze.

 

E vedremo poi se ci saranno ulteriori movimenti di mercato dopo l’arrivo di Giuseppe Torromino che gettato nella mischia a Vastogirardi si è messo in evidenza con alcune giocate. Ha colpito la traversa e suo è stato l’assist per il gol di Marras. Nei prossimi giorni ci potrebbero essere novità in tal senso. Sempre che la società non abbia già tirato i remi in barca.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X