facebook rss

Coronavirus: il Tribunale non si ferma,
ma scattano le misure di prevenzione

EMERGENZA - Il presidente Luigi Cirillo ha emanato un provvedimento che sconsiglia la presenza di figure non indispensabili all'interno del Palazzo di Giustizia di Ascoli, disponenendo anche il trasferimento dei processi nell'aula di Assise al piano terra per evitare assembramento nei corridoi

di Renato Pierantozzi

Il presidente del Tribunale di Ascoli, Luigi Cirillo, ha emanato un provvedimento per contenere i rischi da contagio da Coronavirus anche nel Palazzo di Giustizia di piazza Orlini. L’attività giudiziaria prosegue regolarmente anche se sono arrivate le prime indicazioni per i frequentatori del Tribunale. In particolare, il presidente ha ribadito “l’opportunità di contenere al massimo la presenza di accompagnatori non indispensabili e di limitare la permanenza negli Uffici al tempo strettamente necessario per l’adempimento dei loro impegni, evitando assembramenti nelle aule e negli spazi comuni”.

Il presidente Cirillo (Foto Vagnoni)

E’ stato inoltre disposto il trasferimento delle udienze penali nell’aula di Assise, che si trova al piano terra, proprio per evitare troppa folla nei corridoi visto che nei giorni scorsi erano state contate oltre 100 persone in attesa di prendere parte ai processi in programma nell’aula al primo piano che si affaccia davanti agli uffici delle cancellerie. Il presidente ha anche assicurato che la ditta incaricata delle pulizie ha provveduto a disinfettare con l’alcol le maniglie delle porte del Tribunale ed è stato ordinato del gel per le mani.



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X