Quantcast
facebook rss

La Bottega del terzo settore
non chiude per Coronavirus:
progetta online
e pensa ai bisognosi

EMERGENZA - Attraverso l'iniziativa #iorestoacasa&bottega i soci continuano a scambiarsi idee e fare formazione. Con #iorestoSolidale offre pasti gratuiti a Pasqua e Pasquetta agli ospiti del Pas con la collaborazione del Consorzio di tutela dell'oliva ascolana e della pizzeria "La Scaletta"
...

Pino Felicetti, Mirko Petracci, Roberto Paoletti, Primo Valenti

Nel momento in cui il Paese sta facendo lo sforzo collettivo di mantenere le distanze fisiche per contrastare la diffusione del Coronavirus, è necessario trovare soluzioni alternative per continuare a fare comunità, anche dalle nostre case. In questo scenario Bottega del terzo settore attiva tutte le forze presenti in campo. Inizia con il chiamare i soci a unire le energie per dare vita ad un nuovo luogo di scambio di informazioni e servizi, di relazione e formazione attraverso l’iniziativa #iorestoacasa&bottega, una nuova piattaforma virtuale, in cui ritrovare la comunità del terzo settore. Attraverso le varie iniziative promosse, tra cui la teleassistenza IT, la formazione con webinar di altissimo livello, le tavole di confronto con i soci, le stanze virtuali per assemblee ed incontri dei soci, Bottega del terzo settore abbraccia, seppure in modalità virtuale, il territorio allo scopo di mettere in risalto il potenziale di ciascuno nel contribuire a sostenerla in una fase di vulnerabilità senza precedenti.

C’è poi l’attività rivolta alle persone più fragili. Nasce quindi #iorestoSolidale, fortemente voluta dal presidente di Bts, Roberto Paoletti, appoggiato dal direttivo, la nuovissima iniziativa per offrire pasti gratuiti nelle giornate di Pasqua e Pasquetta agli ospiti del Pas (Polo accoglienza e solidarietà), anch’esso socio affiliato di Bottega impegnato in questa emergenza con le sue associazioni e volontari quotidianamente coordinati da Pino Felicetti e lo Staff del Pas.

L’invito a “donare” è stato tempestivamente raccolto da Primo Valenti, presidente del Consorzio tutela e valorizzazione oliva ascolana del Piceno dop con i suoi consorziati e dallo chef Mirko Petracci della pizzeria “La Scaletta”. Insieme, seppure a distanza, hanno preparato con cura grandi quantitativi di olive all’ascolana e di pizze margherita.Un’azione tangibile che mobilita spontaneamente la comunità attraverso l’inedito connubio tra enti del terzo settore, soci di Bts ed imprese locali nel generare valore sociale sul territorio. Un’azione che potrà continuare a generare frutti anche in futuro.



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X