facebook rss

I tamponi della nave “Costa Magica”
si esaminano ad Ascoli
Gli aggiornamenti del Sisp

EMERGENZA - La nave è approdata al porto di Ancona il 28 aprile con a bordo 617 persone. Un nuovo positivo nel Piceno e 156 guariti. Attesa per i 6 medici di base positivi agli anticorpi contro il Sars Cov2 rivelati dai test sierologici a 220 di loro. Un decesso al "Madonna del Soccorso"

In alto, Claudio Angelini e Antonio Fortunato. Sotto la Nave “Costa Magica” nel momento dell’approdo al porto di Ancona

Si lavora oggi, 3 maggio, nel laboratorio di Biologia Molecolare dell’ospedale “Mazzoni” di Ascoli, diretto da Antonio Fortunato, e nel dipartimento di Igiene e Sanità Pubblica dell’Area Vasta 5, diretto da Claudio Angelini. E’ così dall’inizio della pandemia, senza riconoscere domeniche e festivi.

Il laboratorio di Antonio Fortunato, nel weekend ha fatto sui 300 tamponi al giorni, oggi prevalentemente le urgenze, e sta processando anche buona parte dei campioni dei 617 membri dell’equipaggio, di cui 44 italiani, della nave “Costa Magica”, approdata al porto di Ancona lo scorso 28 aprile (leggi l’articolo). Dalla nave sono arrivate alcune centinaia di tamponi al giorno. Oggi, sono scesi dalla nave i primi 11 passeggeri risultati negativi, 9 dei quali italiani e una brasiliana residente in Italia.

Una catena che non si ferma mai, tra laboratorio e Sisp, del resto il Coronavirus è dietro la porta, tenuto a freno nel Piceno dove i dati inviati oggi, proprio dal Sisp, riferiscono di un nuovo caso e 156 guariti. I positivi sono 115 al momento, al netto dei 283 registrati fin dalle prime fasi. (vedi sotto anche la tabella del Gores)

Il laboratorio di biologia molecolare di Ascoli con la macchina Cobas 6800

TAMPONI E TEST SIEROLOGICI – Sono 17 le persone in attesa del secondo tampone di conferma e 9 in attesa del primo.

In attesa di sapere se sono positivi al Coronavirus oppure no, ci sono 6 medici di medicina generale, sottoposti ieri al test sierologico insieme con altri i colleghi di Ascoli e San Benedetto, 220 in tutto (leggi l’articolo).

L’esame dei prelievi del sangue ha rivelato la presenza di anticorpi contro il Sars Cov2. In alcuni si tratta di livelli bassissimi, “tracce”, in altri in quantità un po’ più consistenti. Ma, come ribadisce il dottor Fortunato, non vuol dire che i soggetti siano malati e quindi contagiosi. Lo si saprà solo dopo due tamponi. Nel frattempo i professionisti sono stati messi in isolamento precauzionale.

C’è stato il caso di un operatore sanitario dell’Area Vasta 5, pure positivo agli anticorpi, ma negativo ai 2 tamponi (leggi l’articolo)

I test sierologici sono da ripetere con cadenza quindicinale.

I medici di medicina generale qualche settimana fa erano stato sottoposti a tampone con la modalità drive in ed erano risultati tutti negativi.

L’obitorio dell’ospedale di San Benedetto

I RICOVERATI – Sono sempre 6 i ricoverati al “Madonna del Soccorso” di San Benedetto, 2 in terapia intensiva, 2 nella semintensiva e 2 nell’ex Area Medica.

Nell’ospedale Covid della Riviera ci sono anche pazienti di altre Aree Vaste, di cui 2 in terapia intensiva, 5 nella semintensiva e 5 nel reparto dei non critici. Tra loro c’è Agostina, la signora che proprio oggi compie gli gli anni ed i suoi familiari hanno voluto condividere il momento tramite Cronache Picene.

I DECESSI NELLE MARCHE – Nelle Marche ci sono stati 3 decessi nelle ultime 24 ore. Uno anche all’ospedale di San Benedetto. Si tratta di una donna di 81 anni di Potenza Picena. Al “Torrette” è morto un uomo di 64 anni che non aveva patologie pregresse. Ai 3 si sono aggiunte altre 2 vittime del Covid, diagnosticato però post mortem. (vedi tabella del Gores sotto)



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X