Quantcast
facebook rss

Omicidio Cianfrone, l’11 giugno
il conferimento dell’incarico per l’autopsia
Nazario Agostini legale
della famiglia della vittima

SPINETOLI - Nominati i medici legali Sabina Canestrari, Francesco Brandimarti e Massimo Senati. Coniugi fermati: la Procura esterna apprezzamento nei confronti dei testimoni che hanno collaborato con le indagini. Il dramma del 2009 dei coniugi Spagnulo, fermati per l'uccisione dell'ex carabiniere
...
Continuano le indagini sull’uccisione dell’ex Carabiniere Antonio Cianfrone che oggi, 9 giugno, sono arrivate ad un punto di svolta con il fermo dei coniugi di Pagliare Giuseppe Spagnulo e Francesca Angiulli.
Sarà ora il giudice per le indagini preliminari a dover convalidare il provvedimento emesso dalla Procura di Ascoli e decidere se ci siano gli estremi per la custodia cautelare.
Nel frattempo non è ancora stata fatta l’autopsia sul corpo di Cianfrone.
Giovedì prossimo, 11 giugno, i medici legali Sabina Canestrari, Francesco Brandimarti e Massimo Senati, alle 12,30 riceveranno il conferimento dell’incarico. 

L’avvocato Nazario Agostini

La famiglia di Cianfrone invece ha nominato legale di fiducia l’avvocato Nazario Agostini, già difensore della vittima nel processo che lo ha visto implicato dal 2015.

I coniugi fermati sono ritenuti responsabili dell’omicidio sulla base di molteplici elementi raccolti nel corso delle indagini dirette dalla Procura di Ascoli e che, dal 3 giugno data del fatto, non si sono mai fermate.
Tanti gli elementi raccolti in pochi giorni.

Determinante l’opera del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Ascoli, insieme con il Nucleo Operativo della Compagnia di San Benedetto, della Stazione di Monsampolo in particolare, e della sezione di Polizia Giudiziaria.

Informazioni e spunti investigati sono stati condivisi con la Squadra Mobile della Polizia di Stato col Comando provinciale della Guardia di Finanza che ha messo a disposizione hardware e software per analisi degli apparati informatici e le proprie competenze per gli accertamenti patrimoniali.

La Procura sottolinea che di aver apprezzato «la piena collaborazione delle diverse persone che hanno assistito alle fasi dell’omicidio e ai momenti antecedenti e successivi.

Tutti hanno dimostrato lucidità e franchezza e ampia disponibilità a riferire tutto quello che sapevano e avevano visto, ad essere sentiti e in certi casi risenti più volte, anche direttamente sui luoghi dei fatti, senza mai mostrare reticenze».

Ma sono ancora tanti gli aspetti da chiarire sulla vicenda che è costata la vita all’ex vice comandate della Stazione dei Carabinieri di Monsampolo.

E in molti si chiedono cosa possa aver indotto i due coniugi, ammesso che siano davvero i colpevoli, a freddare Cianfrone con colpi di pistola a poche centinaia di metri da casa.

Nel 2009 la famiglia Spagnulo, originaria di Taranto, ma da anni residente a Pagliare, ha subito un gravissimo lutto. La morte del figlio Antonio, per un incidente stradale avvenuto a Spinetoli. Nel 2014 fu condannato a 18 mesi, per omicidio colposo, un dipendente delle Poste.

Cianfrone all’epoca era vice comandante della Stazione dei Carabinieri di Monsampolo che ha giurisdizione anche a Spinetoli. Ma non risulterebbe nulla agli atti che collega l’ex carabiniere con gli sviluppi dell’incidente.



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X