Quantcast
facebook rss

Covid, 31 positivi nel Piceno
su 397 nuove diagnosi nelle Marche

EMERGENZA CORONAVIRUS - Nelle ultime 24 ore esaminati 4.398 tamponi nel percorso nuove diagnosi (di cui 2.833 nello screening Antigenico): positivo il 9%. Secondo la classificazione del ministero il rischio nella nostra regione scende ma non troppo, di molto sopra la media nazionale il numero di casi ogni 100mila abitanti
...

tamponi-covid-screening-di-massa-palarisorgimento-civitanova-FDM-12-325x217

 

Sono 397 i nuovi casi di Covid nelle Marche. E’ quanto comunica il servizio Sanità della Regione nel primo bollettino di giornata dopo l’esame nelle ultime 24 ore di 6.559 tamponi: 4.398 nel percorso nuove diagnosi (di cui 2.833 nello screening con percorso Antigenico) e 2161 nel percorso guariti.

L’incidenza dei positivi è dunque 9%.

I nuovi contagi sono stati registrati: 31 in provincia di Ascoli, 83 in provincia di Macerata, 147 in provincia di Ancona, 109 in provincia di Pesaro-Urbino, 11 in provincia di Fermo e 16 fuori regione.

«Questi casi – spiega la Regione – comprendono soggetti sintomatici (46 casi rilevati), contatti in setting domestico (78 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (126 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (36 casi rilevati), contatti in ambienti di vita/socialità (21 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (4 casi rilevati), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (10 casi rilevati), screening percorso sanitario (6 casi rilevati).

Per altri 70 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Nel percorso screening antigenico sono stati effettuati 2.833 test e sono stati riscontrati 206 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari al 7%».

Quanto invece al report settimanale dei dati epidemiologici delle Regioni, il ministero ha classificato le Marche con “rischio moderato e ad alto rischio di progressione a rischio alto”, nel report della settimana scorsa il rischio era “alto”. 

Quindi siamo leggermente migliorati, ma non troppo. Da una parte infatti l’indice l’Rt è salito da un report all’altro: da 0,97 a 0,98, attestandosi sopra sopra alla media nazionale, che è dello 0,97. Dall’altre parte è scesa l’incidenza di casi ogni 100mila abitanti: da 443 a 409, anche in questo caso però ben al di sopra della media nazionale che è di 339.

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X