facebook rss

Ascoli, il momento decisivo è arrivato:
la lotta salvezza riprende al “Del Duca”
contro la capolista Empoli

SERIE B - Dopo due settimane di sosta, Sottil a caccia della vittoria numero 100 tra i professionisti. Il tecnico si affida ancora al 4-3-1-2 e ai più in forma. I toscani potrebbero festeggiare la Serie A in caso di successo ed altri risultati favorevoli. Calcio d'inizio alle 14

 

di Salvatore Mastropietro

Le inattese due settimane di sosta forzata sono ormai giunte al termine. Il momento decisivo della stagione è alle porte e per l’Ascoli il rush finale riparte dal “Del Duca”, dove domani arriverà la capolista Empoli. Il match tra bianconeri e toscani promette bene sotto tanti punti di vista. Il Picchio, reduce da tre vittorie consecutive e da un solo ko nelle ultime otto sfide, vuole continuare sulla strada intrapresa recentemente. Tutto il gruppo, ad eccezione di Pinna, è a disposizione di Sottil, che in caso di successo potrebbe festeggiare la sua 100esima vittoria tra i professionisti (90 in B e 9 in C).

Sottil e Brosco dopo la vittoria sulla Spal

Di fronte, tuttavia, gli ascolani troveranno l’avversario più ostico che potessero affrontare in questo momento del campionato. L’Empoli è ad un passo dalla promozione in Serie A, che potrebbe arrivare in caso di successo al “Del Duca” e contemporanea mancata vittoria della Salernitana. I toscani, inoltre, sono in una striscia positiva record di 28 risultati utili consecutivi. In tutto il torneo gli uomini di Dionisi hanno collezionato un solo ko, contro il Venezia all’andata. Non sono, però, stati un’autentica schiacciasassi, considerando che – dopo il Cosenza – gli azzurri sono la squadra ad aver pareggiato più partite (16). Tra questi c’è quello dell’andata: alla seconda partita della gestione Sottil l’Ascoli riuscì a compiere una vera e propria impresa pareggiando 1-1 con gol di Bajic.

QUI ASCOLI – Sono state due settimane di lavoro intenso in casa Ascoli. Sottil ed il suo staff tecnico hanno predisposto molte sedute tattiche, ma per il resto il lavoro è stato incentrato sul mantenimento della forma fisica e, soprattutto, della carica mentale. A tal fine, come già accaduto per le ultime partite casalinghe contro Vicenza e Monza, la squadra si è riunita in ritiro con un giorno d’anticipo con l’obiettivo di trovare la massima concentrazione.

L’esultanza di Bajic all’andata

Dal punto di vista tattico e della formazione non sono attese particolari sorprese dal primo minuto. La strada scelta ormai da diverse settimane è quella del duttile 4-3-1-2. Davanti a Leali l’unico ballottaggio sembra essere quello sulla fascia sinistra tra D’Orazio e Kragl, con il primo in vantaggio. Avlonitis al fianco di Brosco ha, invece, ormai scalzato definitivamente la concorrenza di Quaranta. In cabina di regia confermato Buchel con Saric e Caligara ai lati. In avanti Sabiri agirà a supporto di Dionisi e Bajic, leggermente favorito su Bidaoui.

In tutto sono 26 i calciatori a disposizione di mister Sottil. Unico indisponibile il ’97 Pinna per una lesione muscolare all’adduttore: Leali, Sarr, Venditti, Avlonitis, Brosco, Cacciatore, Corbo, D’Orazio, Kragl, Pucino, Quaranta, Buchel, Caligara, Danzi, Eramo, Mosti, Sabiri, Saric, Bajic, Bidaoui, Cangiano, Charpentier, Dionisi, Parigini, Simeri, Stoian.

Mister Dionisi ai tempi del Venezia

QUI EMPOLI – A differenza dell’Ascoli, la squadra di Alessio Dionisi non viene da due settimane di riposo, avendo giocato nella giornata di martedì il recupero contro il Chievo, terminato 2-2. Gli azzurri, memori delle difficoltà incontrate all’andata, sono consapevoli di dover superare un bell’ostacolo per conquistare gli ultimi punti pesanti, e forse decisivi, per la corsa alla Serie A.

Per la trasferta del “Del Duca” il giovane allenatore, da molti considerato uno dei più promettenti dell’intero panorama calcistico, dovrà fare a meno di due elementi importanti come Mancuso e Romagnoli. Il tecnico dei toscani ha chiesto ai suoi di continuare a mantenere i piedi per terra, mettendoli in guardia sulle insidie rappresentate dalla squadra di Sottil: «In questa parte della stagione non esistono gare facili. Loro sono in un momento alto, sono una squadra coraggiosa e dovremo rispettarli. Quella di domani è una partita determinante, ma non decisiva. Dovremo sudare non poco, ma bisognerà trovare la giusta spensieratezza».

LE PROBABILI FORMAZIONI

ASCOLI (4-3-1-2): Leali; Pucino, Brosco, Avlonitis, D’Orazio; Saric, Buchel, Caligara; Sabiri; Dionisi, Bajic. Allenatore: Sottil.

EMPOLI (4-3-1-2): Brignoli; Sabelli, Nikolau, Casale, Terzic; Haas, Stulac, Ricci; Bajrami; Matos, La Mantia. Allenatore: Dionisi.

Arbitro: Sozza di Seregno (assistenti Rossi di Novara e Miele di Torino, quarto ufficiale Maggioni di Lecco).

Stadio: Del Duca, ore 14.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X