Quantcast
facebook rss

Ascoli, il “figliol prodigo” Sabiri:
«Ho chiesto scusa
pagando una cena, ora penso
a fare il massimo con la squadra»

SERIE B - Doppia seduta al Picchio Village per la squadra di Sottil, che ha messo nel mirino la gara col Pordenone. Il trequartista ex Paderborn ai microfoni della società: «Ora mi sento bene e voglio tornare al 100%. La Serie B è un campionato più equilibrato rispetto a Premier e Bundesliga. Obiettivo? Per noi ogni gara è una battaglia»
...

di Salvatore Mastropietro

 

Continua la preparazione in casa Ascoli nella settimana di sosta per le Nazionali, che sta permettendo alle squadre di Serie B di rifiatare in vista dell’intenso periodo di partite in programma nel prossimo mese e mezzo. Mister Sottil vuole approfittare di questo momento per portare i suoi al massimo della forma fisica e per lavorare su alcuni aspetti tattici da migliorare.

Allenamento al “Picchio Village”

Oggi, mercoledì 10, la squadra ha sostenuto una doppia seduta di allenamento al Picchio Village. In mattinata i bianconeri sono stati impegnati in una seduta di forza in palestra e in una tattica per reparti sul campo. Nel pomeriggio, invece, lo staff tecnico ha fatto disputare una serie di partite 4 contro 4 e una partita finale. Assente Iliev, che domani alle 16 scenderà in campo con la Nazionale bulgara nel match amichevole con l’Ucraina a Odessa. L’Ascoli tornerà in campo alle ore 15 per un allenamento pomeridiano, sempre presso il centro sportivo.

Abdelhamid Sabiri

A margine della seduta odierna Abdelhamid Sabiri ha rilasciato ai microfoni della società la prima intervista in italiano da quando è sbarcato sotto le Cento Torri, ormai oltre 13 mesi fa. La stagione in corso è iniziata in modo molto particolare per il talento tedesco-marocchino. Come direbbe mister Sottil sono state commesse delle «bischerate», ma ora per fortuna dell‘Ascoli è tutto rientrato: «Sono rientrato pagando una cena a tutta la squadra per chiedere scusa ai compagni e al mister. Ora mi sento bene e voglio guardare avanti. Per me adesso è molto importante giocare, ho giocato in totale cinque partite di cui tre da titolare. Fisicamente non sono al 100%, ma in questa sosta sto lavorando per migliorare».

Sabiri in azione nel match contro il Pisa

Rispetto alla passata stagione, Sabiri ha ritrovato vecchi compagni d’attacco come Bidaoui e Dionisi, ma anche nuovi volti: «Abbiamo ottimi giocatori con diverse caratteristiche. Fabbrini è un calciatore con grande tecnica, Iliev è forte fisicamente. Per noi avere giocatori così è sicuramente buono».

Sulla stagione in corso e sulla partita di Pisa, che ha segnato un po’ la ripartenza dell’Ascoli dopo un momento complicato: «A Pisa affrontavamo una squadra prima in classifica e noi venivamo da due sconfitte. Era importante portare via punti e lo abbiamo fatto. Adesso andiamo avanti così, dobbiamo sempre giocare per vincere, è questo il nostro obiettivo. Penso che questo campionato sia molto diverso rispetto a quelli in cui ho giocato in passato, come Premier League e Bundesliga. Ci sono tante squadre in pochi punti, manca una molto più forte delle altre e quindi c’è equilibrio. Noi siamo una squadra forte, ora con il mister Sottil abbiamo una precisa identità con la palla e senza la palla. Pensiamo al Pordenone e poi vedremo, per noi tutte le partite sono uguali».

Lo scorso anno erano arrivati 8 gol per Sabiri, che quest’anno vuole riprovarci: «Io voglio pensare solo ad aiutare la squadra. I gol e gli assist sono importanti, ma l’obiettivo più grande è vincere le partite».

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X