Quantcast
facebook rss

Ascoli, Leali torna da protagonista: «Ringrazio chi mi è stato vicino, il campo mi mancava»

SERIE B - Il portiere nel post partita: «Non mi aspettavo una prestazione così al rientro, ma sono contento soprattutto per la vittoria ritrovata». Donati al secondo centro in maglia bianconera, il primo in campionato: «Grande soddisfazione, noi giovani cerchiamo di seguire l'esempio dei più grandi»
...

di Salvatore Mastropietro

 

È rientrato come meglio non poteva Nicola Leali, autore di almeno quattro interventi a dir poco decisivi ai fini dell’1-3 con cui l’Ascoli ha espugnato il “San Vito-Marulla” di Cosenza.

Nicola Leali (foto Ascoli Calcio)

Nel post partita dalle parole del numero uno bianconero traspare inevitabilmente tanta soddisfazione: «Non mi aspettavo una prestazione così, ma sono contento in primis per il risultato ottenuto. Voglio ringraziare la mia famiglia che mi è stata vicina in questo periodo, a volte sono stato un po’ pesante perché il campo mi mancava. Ringrazio i fisioterapisti e i preparatori, in particolar modo Nazzareno che mi ha aiutato tanto anche a livello psicologico. Il Cosenza oggi ci ha messo in difficoltà, spesso arrivavamo in ritardo, abbiamo fatto bene per quanto riguarda il risultato ma dobbiamo migliorare. I pareggi in Serie B sono importanti quando poi arrivano delle vittorie e oggi l’abbiamo ritrovata».

Donati

Grande gioia anche per Francesco Donati, autore del gol che ha sbloccato la gara grazie ad un colpo di tacco d’alta scuola: «Dopo il gol alla Sampdoria in Coppa Italia oggi è arrivata un’altra grande soddisfazione. Il mister vuole che noi quinti accompagniamo l’azione, ci ho creduto e Dionisi mi ha messo una bella palla. Oggi è stata una partita più difficile da affrontare rispetto alla scorsa, eravamo più bassi ma abbiamo saputo soffrire e portare a casa il risultato, grazie anche a un pizzico di fortuna. Fa sempre piacere avere fiducia da parte del mister e di tutto l’ambiente, noi giovani cerchiamo di dare il massimo e di seguire l’esempio dei più grandi».

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X