Quantcast
facebook rss

Ascoli, uno “squalo” per l’attacco di Bucchi: il colpo Forte infiamma la piazza bianconera

SERIE B - Il club bianconero ha battuto la concorrenza di Reggina e Frosinone assicurandosi l'attaccante classe 1993 per oltre un milione e mezzo di euro. Dopo il "via libera" del patron Pulcinelli, il diesse Valentini ha trovato velocemente l'accordo con il Benevento. Ieri sera ad Ascoli, questa mattina la firma sul contratto di tre anni e mezzo di contratto. Ha scelto la maglia numero 11 e, al suo primo allenamento al Picchio Village, dice: «Non vedo l’ora di scendere in campo, vi aspetto al Del Duca contro il Palermo sabato pomeriggio»
...

Francesco Forte al suo primo giorno al “Picchio Village”

 

di Salvatore Mastropietro

 

Nel giro di un paio di giorni l’Ascoli ha trovato il suo nuovo attaccante: Francesco Forte si appresta a diventare un nuovo calciatore bianconero come rinforzo per un reparto offensivo in grande affanno. I discorsi con il Benevento si sono intensificati domenica e lunedì, quando è stata trovata la quadra definitiva tra le parti, grazie anche alla notevole libertà di spesa concessa dal patron Massimo Pulcinelli al direttore sportivo Marco Valentini per quella che è di fatto l’operazione più onerosa della sua gestione.

 

Il ds Valentini e Forte (foto Ascoli Calcio)

Il calciatore arriva nel Piceno con la formula del prestito fino a fine stagione con obbligo di riscatto fissato a poco più di 1 milione e 500.000 euro. Una cifra sicuramente importante, a cui si andrà ad aggiungere l’importo dell’ingaggio da corrispondere a Forte, con cui è stato raggiunto un accordo di tre anni e mezzo fino al 30 giugno 2026. Si tratta di un colpo che infiammerà senz’altro i cuori della piazza in vista di una seconda parte di campionato che si preannuncia accesissima.

 

Francesco Forte si è messo subito in viaggio per la città delle cento torri per la firma del contratto e per cominciare a lavorare subito agli ordini di Bucchi con l’obiettivo di integrarsi nel prima possibile negli schemi della squadra bianconera e di dare subito il proprio contributo – così come Proia – già in vista della sfida casalinga contro il Palermo di sabato 28 gennaio.

 

Nonostante gli interessamenti di Reggina e Frosinone, Forte ha scelto Ascoli per cercare di rilanciarsi dopo un anno un po’ travagliato con la maglia del Benevento. Nella prima parte di stagione ha collezionato 3 reti in 20 presenze. 30 anni il prossimo maggio, vanta 50 reti in 145 presenze nel campionato cadetto. Dopo una serie di annate più o meno positive, il centravanti scuola Inter ha vissuto due stagioni magiche tra il 2019 e il 2021 con le maglie di Juve Stabia (17 gol) e Venezia (15 gol). In entrambe le esperienze furono fondamentali due ex bianconeri: il direttore sportivo Ciro Polito prima ai tempi delle “Vespe”, mister Paolo Zanetti poi ai tempi dei lagunari.

 

IL CONTRATTO

 

Questa mattina nella sede di Corso Vittorio ha firmato il contratto che lo lega all’Ascoli per ora, a titolo temporaneo, in prestito dal Benevento fino al prossimo 30 giugno, poi c’è l’obbligo di riscatto con un nuovo contratto fino al 30 giugno 2026.

 

LA CARRIERA

 

Nato a Roma l’1 maggio 1993, è una punta centrale di 187 cm, con oltre 300 presenze nei professionisti, di cui 151 in Serie B con 51 gol realizzati e 13 in Serie A con 1 gol quando militava nelle file del Venezia (22 dicembre 2021 alla Lazio). Cresciuto nei settori giovanili di Pisa prima e Inter poi, con la maglia nerazzurra nel 2011-2012 vinse il campionato Primavera guadagnandosi la stima del tecnico della prima squadra Stramaccioni, che lo conosceva dalle giovanili e che lo fece esordire in A contro il Palermo il 28 aprile 2013. Dall’anno seguente inizia a farsi le ossa in Serie C: nel 2013-2014 al Pisa (22 presenze e 3 gol con conquista dei playoff), nel 2014-2015 prima a Forlì (2 gol in 16 presenze) e nella seconda metà di campionato alla Lucchese (18 gare e 10 gol). Nel 2015-2016 si divide fra Cremonese (14 presenze e 3 gol) e Teramo (14 presenze e 1 gol). Nel 2016-201717 torna alla Lucchese in C (21 presenze e 15 gol). Nel 2016-2017 al Perugia in Serie B (11 presenze e 3 gol). Nel 2017-2018 allo Spezia in B (31 presenze e 6 gol). Poi un’esperienza all’estero, nella massima serie belga, al Beveren: 35 presenze e 9 gol in un anno e mezzo. Quindi il ritorno in Italia. Nel 2019-2020 alla Juve Stabia in B con 17 gol e 2 assist in 32 partite, nel 2020-2021 al Venezia dove contribuisce in maniera determinante alla promozione in A con 15 gol e 2 assist in 38 presenze. Lo scorso anno, in A con i lagunari, 1 gol in 12 presenze, poi a metà stagione il trasferimento al Benevento da dove arriva con uno score di 10 gol in 39 gare.

Ha scelto la maglia numero 11.

 

LE SUE PRIME PAROLE DA BIANCONERO

 

“Sono pronto per questa nuova avventura, ho scelto l’Ascoli perché mi ha fatto sentire importante e, quando vivo queste sensazioni e queste emozioni, riesco a dare il meglio di me. Non vedo l’ora di scendere in campo, vi aspetto al Del Duca contro il Palermo sabato pomeriggio”.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X