Quantcast
facebook rss

L’Ascoli al “Mazza” come dottor Jekyll e mister Hyde

SERIE B - Squadra decisamente diversa da quella che ha perso a Terni. I padroni di casa vanno all'assedio sfiorando il gol da tre punti, ma poi rischiano di capitolare
...

 

di Lino Manni

 

Vacca Proia che Ascoli! Dopo una settimana di chiacchiere, di mancati arrivi e partenze, in campo si è visto una squadra molto diversa rispetto a quella di Terni. Evidentemente, qualche volta, una tiratina di orecchie fa bene. Non c’è stata la sospirata vittoria ma il pari è ben accetto anche perché si è giocato un tempo in inferiorità numerica. E’ stato un assedio dei padroni di casa, ma alla fine il fortino regge nonostante i numerosi pericoli corsi. Nel primo tempo Giovane tra i migliori, poi un’entrata scomposta gli costa l’espulsione. Leali sul gol è piazzato male, ingannato dal tiro-cross. Ma il portiere si rifà nella ripresa con interventi salva risultato. L’Ascoli è sempre vivo e confeziona il pari con un gol capolavoro sull’asse Falasco-Adjapong. Nella ripresa, nonostante l’inferiorità numerica, Bucchi non cambia modulo e se la gioca. Il campo gli da ragione e i bianconeri corrono qualche pericolo solo nel finale. Forte Alamo regge l’urto e Leali mantenere il risultato. Ma il risultato poteva cambiare anche a favore dei bianconeri se Lungoyi non avesse centrato il palo. Sei i minuti di recupero, come il voto per questo Ascoli… dottor Jekyll e mister Hyde.

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X