Quantcast
facebook rss

Riapertura delle librerie,
il sindaco di Castignano:
no spostamenti in altri Comuni

EMERGENZA CORONAVIRUS - Fa discutere l'ordinanza di Fabio Polini dopo la decisione del Governo di riaprire alcune attività commerciali. «Poteva diventare un vero e proprio lasciapassare per le persone che, con la scusa di acquistare un libro, avrebbero potuto girovagare tranquillamente per la provincia»
...

di Simone Corradetti

La proroga del Governo Conte, ha esteso il “lockdown” fino al 3 maggio, ma prevede anche la riapertura di librerie e cartolibrerie. Queste nuove disposizioni, hanno suscitato qualche perplessità tra la popolazione, perché se da un lato non si può uscire dal proprio comune di residenza, dall’altro non tutti i comuni, specialmente i più piccoli, non hanno una libreria in paese. Quindi ci si può spostare in un altro comune? Sembrerebbe proprio di no, visto che il decreto “Io resto a casa”, ha lo scopo di limitare gli spostamenti, se non strettamente necessari, per il contenimento del contagio da Coronavirus.

Il sindaco Fabio Polini

I sindaci, chiamati in prima linea a far rispettare le restrittive normative, insieme alle forze di polizia, cercano di arrangiarsi al meglio per non creare confusione e limitare i disagi. Anche nel Piceno, ci sono stati diversi punti di vista sull’interpretazione del decreto. A tal proposito, il sindaco di Castignano Fabio Polini, che era già sceso in strada con l’agente della Municipale per i controlli delle persone e delle auto in transito sul territorio, ha firmato un’ordinanza che vieta assolutamente la possibilità di spostarsi in un altro Comune per l’acquisto di libri, visto che una libreria a Castignano non c’è.

«Poteva diventare – dice Polini – un vero e proprio lasciapassare per le persone che, con la scusa di acquistare un libro, avrebbero potuto girovagare tranquillamente per la provincia. Il fatto che a Castignano non si siano ancora registrati casi positivi – conclude categorico – non significa che il rischio del contagio sia finito, e quindi bisogna spostarsi da casa soltanto per questioni urgenti e di prima necessità». In paese, dopo questa ordinanza, c’è chi ha espresso parere favorevole sui social, per qualcuno si è invece trattato di una esagerazione da… sceriffo.



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X