Quantcast
facebook rss

Carabiniere vittima del Covid,
tutti sull’attenti per l’arrivo a Macerata

CORDOGLIO per l'appuntato Federico La Rotonda, 59enne morto ieri a Torrette. Il ricordo del comandante provinciale Michele Roberti: «Lascia un vuoto angosciante». La commozione del Sottosegretario alla Difesa Giulio Calvisi: «Perdiamo un servitore dello Stato, ha svolto fino all’ultimo il proprio servizio ai cittadini»
...

 

L’accoglienza di fronte al Centro Funerario

 

«Marito e padre devoto, un esemplare servitore dello Stato che sapeva svolgere il suo lavoro con grande umiltà e fermezza, ma senza mai perdere la capacità di dialogare con tutti.

Uno di noi che se ne va e ci lascia con un vuoto angosciante.

Il nostro commosso abbraccio va alla moglie Sabrina e al figlio Mirko».

Federico La Rotonda

Con queste parole il colonnello Michele Roberti, comandante provinciale dei carabinieri di Macerata ricorda l’appuntato scelto Federico La Rotonda, morto ieri a 59 anni all’ospedale Torrette ad Ancona, vittima del coronavirus.

Questa mattina, 10 maggio, una delegazione ha accolto l’arrivo della salma a Macerata.

Il drappello di uomini guidato dal comandante Legione carabinieri Marche, generale Fernando Antonio Nazzaro, e dal comandante provinciale, colonnello Michele Roberti, ha atteso l’arrivo del feretro al Centro Funerario di Macerata dove è allestita la camera ardente per poi rendere onore al militare deceduto.

Domani alle 15 una delegazione dei carabinieri parteciperà al rito funebre nel rispetto delle norme stabilite dal decreto.

Il comandante Legione carabinieri Marche, generale Fernando Antonio Nazzaro, e il comandante provinciale, colonnello Michele Roberti,

Ha espresso in una nota tutto il suo cordoglio il Sottosegretario di Stato alla Difesa Giulio Calvisi: «Partecipo con profonda commozione alla scomparsa dell’appuntato scelto Federico La Rotonda, deceduto a causa del Coronavirus.

Perdiamo un servitore dello Stato, un carabiniere che ha svolto fino all’ultimo il proprio servizio ai cittadini.

Esprimo ai familiari di Federico le mie più sentite condoglianze e la mia solidarietà.

Sono vicino al Generale Nistri e a tutta l’Arma dei carabinieri, che vive questo ennesimo dramma, condiviso da tutte le Forze armate .

Nonostante l’alto prezzo pagato in questa emergenza – conclude Calvisi – la Difesa continuerà a fare la propria parte, con grande spirito di sacrificio, professionalità, forza e determinazione, come è nella sua natura e nei valori fondanti della sua azione».

Federico La Rotonda, addetto alla stazione carabinieri di Macerata, era nato a Genova e cresciuto a Santa Margherita Ligure.

«Era figlio d’Arma. Il papà Emilio, che è venuto a mancare a settembre del 2019, era appuntato dei carabinieri.

Federico – si legge nella nota diffusa dal comando provinciale – segue le orme del papà e a 22 anni si arruola nell’Arma,  il 7 giugno 1983».

 

Era in forza alla stazione dei carabinieri di Macerata dal 15 ottobre 2012, quando si è ammalato, il 18 aprile scorso.

Dapprima è stato ricoverato all’ospedale di Macerata. Le sue condizioni si sono aggravate tanto da essere trasferito all’ospedale di Camerino in terapia intensiva e in prognosi riservata.

Dalla sera del 7 maggio le cose purtroppo sono peggiorate e il giorno seguente è stato trasferito all’ospedale Torrette di Ancona, dove si è spento nella serata di ieri.

«Unanime il cordoglio di tutta l’Arma dei carabinieri.

Una vita, quella di Federico, dedicata al dovere, all’Istituzione e ai cittadini. Il 9 gennaio prossimo avrebbe compiuto 60 anni e si sarebbe congedato.

Lo ricordano tutti come un carabiniere dalle straordinarie qualità umane, sempre disponibile, generoso verso i colleghi e animato da un elevatissimo senso del dovere. Federico lascia la moglie Sabrina, il figlio Mirko e l’anziana mamma di 91 anni, che vive in provincia di Teramo».

 

 

 

 

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X