facebook rss

Covid, il sindaco Piergallini:
«Varianti più contagiose,
quindi tolleranza zero»

GROTTAMMARE - Il primo cittadino ha assunto questa direzione a seguito della riunione convocata dal prefetto di Ascoli che chiede alle autorità locali maggiori controlli. In serata riunione con i titolari delle attività a maggior rischio assembramenti. La città costiera conta 61 positivi e 90 persone in quarantena

Il sindaco Enrico Piergallini

Con 61 positivi al Covid e 90 persone in quarantena, nemmeno il sindaco di Grottammare Enrico Piergallini dorme sonni tranquilli (leggi qui le parole o iniziative dei sindaci di Ascoli, San Benedetto e Comunanza).

E sceglie la strada della tolleranza zero.

La direzione è stata assunta a seguito della riunione convocata questa mattina dal Prefetto di Ascoli, il quale  ha comunicato il sensibile peggioramento del numero dei contagi in provincia e la necessità di irrigidire i controlli da parte delle autorità locali.

Allertato successivamente il Coc, in collegamento con la Polizia locale e la Protezione civile comunale, il sindaco Piergallini ha annunciato per il tardo pomeriggio la riunione con i titolari di tutte le attività commerciali a maggior rischio di assembramento, in particolare quelle legate alla somministrazione di alimenti e bevande.

In programma, l’aggiornamento sui dati dei contagi e la necessità di rispettare e far rispettare più che mai i protocolli di sicurezza.

 

In linea con il forte aumento a livello provinciale, tra l’8 e il 14 febbraio nel comune di Grottammare è stato registrato un incremento dei contagi del 400%, ovvero da 6 a 27 persone. Oggi il report del Servizio Sanità regionale ne registra appunto 61: «Ora la guardia deve essere più alta – precisa il sindaco Enrico Piergallini – quello che è cambiato rispetto a prima è la contagiosità delle nuove varianti del virus. Quindi, situazioni che prima erano tollerabili ora non lo sono più».



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X