Quantcast
facebook rss

L’Ascoli a Frosinone con la carica dei 500:
i bianconeri vogliono
riprendere a correre
e salutare Rizzetta con i tre punti

SERIE B - L’entusiasmo del popolo piceno accompagnerà la squadra di mister Sottil nella trasferta in Ciociaria, dove il grande ex Dionisi è l’osservato speciale. Il Picchio deve fare a meno di Felicioli e Saric, ma recupera Buchel e Avlonitis. Sabiri si gioca un posto. Grosso avverte i suoi: «Affrontiamo un avversario di qualità». Arbitra Maggioni, calcio d’inizio alle 16,15
...

Dionisi è il grande ex di Frosinone-Ascoli

 

di Salvatore Mastropietro 

 

L’Ascoli chiama, il popolo bianconero risponde. Nell’inizio di campionato migliore della propria storia recente, il cammino del Picchio non può restare slegato dall’apporto dei propri tifosi. Il ritorno dei gruppi organizzati sugli spalti, dopo oltre un anno e mezzo dall’ultima volta, si è fatto sentire eccome e ha risvegliato quel sano entusiasmo di cui la squadra di mister Andrea Sottil ha fortemente bisogno dopo le polemiche e le voci della scorsa settimana. A tal proposito, il dato definitivo di biglietti venduti per il settore ospiti ammonta a poco meno di 500 (473 per la precisione). Sugli spalti sarà presente anche la società al gran completo, compreso Matt Rizzetta che tornerà negli USA nei prossimi giorni.

La Curva Nord in occasione di Ascoli-Lecce

C’è voglia di Ascoli, ma c’è voglia soprattutto di tornare a correre dopo tre partite senza vittoria. Si proverà a farlo allo “Stirpe” di Frosinone, territorio storicamente ostico fin da quando si giocava al vecchio “Matusa”. Impianti che conosce benissimo Federico Dionisi, che in Ciociaria ha letteralmente scritto la storia: i sette anni passati in gialloblù, conditi da due storiche promozioni in Serie A, non si dimenticano facilmente, specialmente quando l’addio forzato alla terra che lo ha adottato e che ricorderà sempre con particolare affetto è ancora relativamente fresco. Domani il capitano bianconero tornerà nella città laziale per la prima volta da avversario, motivo per cui non sarà sicuramente per lui una gara come le altre.

Andrea Sottil

Di fronte gli uomini di Andrea Sottil troveranno un avversario ostico come quello allenato da Fabio Grosso. Il calciomercato estivo e la buona partenza in campionato (8 punti in 4 partite) avevano riacceso la passione del pubblico ciociaro, che si è un po’ affievolita dopo le ultime quattro gare senza vittoria. Insomma, anche in casa Frosinone il ritorno alla vittoria non può più aspettare alla vigilia di una sfida che si preannuncia ricca di temi.

Avlonitis pronto a tornare titolare

QUI ASCOLI – L’intera settimana di lavoro è servita a mister Andrea Sottil per curare determinati aspetti, soprattutto a livello difensivo dopo gli errori commessi in serie contro Brescia, Crotone e Lecce. Per quanto riguarda il reparto arretrato il tecnico piemontese dovrebbe ricomporre quella che è stata per tre quarti la linea titolare nelle prime fortunate uscite di campionato: l’ex di turno Salvi (in ballottaggio con Baschirotto), Botteghin, Avlonitis e D’Orazio.

A centrocampo la tegola è rappresentata dalla mancata convocazione di Dario Saric, ancora alle prese con il problema alla caviglia che lo affligge a intermittenza da circa un mese. Per prendere il suo posto si giocano una maglia da titolare Collocolo e Eramo, mentre sembrano certi del posto Buchel (al rientro dopo la squalifica) e Caligara.

Sabiri si gioca il posto con Fabbrini

In fase offensiva per mister Sottil c’è l’imbarazzo della scelta. Sulla trequarti Sabiri potrebbe esordire da titolare dopo l’ottimo ingresso contro il Lecce, ma da battere c’è la concorrenza di Fabbrini. L’altro ballottaggio è quello tra Bidaoui e Iliev (convocato ancora nella Nazionale della Bulgaria per gli impegni di novembre) al fianco dell’inamovibile capitano Federico Dionisi.

In tutto sono 25 i bianconeri partiti alla volta di Frosinone: Bolletta, Guarna, Leali, Avlonitis, Baschirotto, Botteghin, D’Orazio, Quaranta, Salvi, Tavcar, Buchel, Caligara, Collocolo, Donis, Eramo, Franzolini, Maistro, Sabiri, Barone, Bidaoui, De Paoli, Dionisi, Fabbrini, Iliev, Petrelli. Quattro, invece, gli indisponibili: Castorani, Felicioli, Saric, Spendlhofer.

Fabio Grosso, tecnico del Frosinone

QUI FROSINONE – La rosa costruita in estate dalla società gialloblù deve avere quantomeno l’obiettivo di agguantare i playoff. Ed è per questo che, dopo quattro partite senza vittorie, il ritorno al successo non sembra più differibile. Lo sa bene mister Fabio Grosso, che per la sfida dello “Stirpe” dovrà fare a meno di Rohden. Tra gli uomini su cui dovrà essere focalizzata l’attenzione dei calciatori dell’Ascoli ci sono sicuramente Ricci (protagonista l’anno scorso in A con lo Spezia), Garritano, Ciano e Novakovich (sondato in estate dall’ex ds Lupo).

Mister Grosso ha avvertito i suoi dei pericoli della partita di domani, spendendo buone parole per il lavoro del suo collega Sottil: «L’Ascoli ha dei giocatori offensivi di grande qualità, molto bravi nell’uno contro uno ed è in possesso di una buona organizzazione di gioco. Dionisi? Dobbiamo stare attenti a livello di squadra, se ti focalizzi su un giocatore in particolare perdi di vista quello che deve essere il vero obiettivo della gara».

Lo stadio di Frosinone

LE PROBABILI FORMAZIONI

FROSINONE (4-3-3): Ravaglia; Zampano, Gatti, Szyminski, Cotali; Boloca, Ricci, Garritano; Ciano, Novakovich, Canotto. Allenatore: Grosso

ASCOLI (4-3-1-2): Leali; Salvi, Botteghin, Avlonitis, D’Orazio; Collocolo, Buchel, Caligara; Sabiri; Dionisi, Bidaoui. Allenatore: Sottil

Arbitro: Maggioni di Lecco (assistenti Yoshikawa di Roma 1 e Pagnotta di Nocera Inferiore, quarto ufficiale Giordano di Novara, VAR Prontera di Bologna, AVAR Prenna di Molfetta)

Stadio: Stirpe, ore 16,15

Serie B: scontri diretti per restare in alto




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X