Quantcast
facebook rss

Ascoli, Sottil: «Ruolino di marcia
importante fuori casa,
ora dobbiamo vincere al Del Duca»

SERIE B - Il tecnico piemontese soddisfatto dalla sala stampa del "Marulla": «I ragazzi hanno fatto molto bene, non era facile venire a fare una prestazione del genere. Contento per Iliev, bene Falasco all'esordio. Mercato? Mi aspetto uno o due altri innesti»
...

 

di Salvatore Mastropietro

 

Dopo i 4 gol alla Ternana sono arrivate le tre reti al Cosenza. È un inizio di 2022 a dir poco entusiasmante per un Ascoli che, al netto delle pesanti assenze, rilancia in maniera importante le proprie ambizioni playoff salendo a 32 punti in 20 gare disputate.

Sottil in conferenza

Non può non essere soddisfatto mister Andrea Sottil, che in queste due gare ha ritrovato le conferme che cercava dopo aver chiuso sotto tono il 2021: «Oggi abbiamo fatto un’altra bella prestazione e abbiamo ottenuto una vittoria non facile. Il Cosenza è una squadra con dei buonissimi giocatori, ma penso che i ragazzi abbiano fatto una grande partita. Abbiamo segnato tre gol, potevamo farne altri, peccato per la deviazione di Tsadjout ma sono cose che possono capitare. È un ruolino di marcia importante, specialmente fuori casa sono 23 punti totali. Dobbiamo continuare a marciare forte e incominciare a conquistare punti importanti anche nel nostro stadio».

Dopo l’esperimento del 4-3-3 di Ternana, oggi mister Sottil ha deciso di tornare al 4-3-1-2: «Ci ho pensato molto in settimana, ho avuto dubbi fino all’ultimo e poi ho deciso di optare per Saric trequartista in modo da schermare Palmiero, un giocatore che ho avuto a Pescara. E’ un ruolo che ha fatto anche in passato, secondo me i ragazzi hanno fatto molto bene».

Caligara con mister Sottil

Una gara, quella di oggi, in cui non si è sentito il peso delle assenze: «Soprattutto nei momenti difficili i giocatori che vengono chiamati in causa devono essere all’altezza. Lo hanno dimostrato e ne ero sicuro, quindi faccio loro i complimenti. L’obiettivo non deve essere giocare, ma portare a casa la vittoria. Ora con il lavoro del direttore Valentini sono arrivati giocatori importanti che alzano la qualità e la competitività all’interno della squadra, bene così e penso che arriveranno ancora uno o due giocatori».

Un giudizio sulla prima prova di Falasco con la maglia dell’Ascoli: «Lo abbiamo voluto, è il primo nome che ho condiviso con Valentini. È un giocatore con caratteristiche diverse rispetto a D’Orazio, in settimana si è allenato bene nonostante non giocasse da un po’ e ha fatto una grande partita».

Adesso c’è la sosta, che va un po’ a spezzare il ritmo della squadra di Sottil: «Avremo dei giorni di riposo meritati dopo un periodo non facile tra allenamenti, tamponi, positivi, negativi, ritiri… Poi riprenderemo a lavorare in proiezione Perugia, abbiamo l’obbligo di migliorare il rendimento in casa e lo dobbiamo fare perché abbiamo la capacità di giocarcela contro tutti».

Ultima battuta su Iliev, tornato al gol dopo oltre tre mesi di digiuno: «Mi è piaciuto molto lo spirito con il quale ha ripreso dopo la sosta. Ha delle qualità importanti dentro l’area, ma non è facile per lui inserirsi in un campionato come il nostro. Ricordo che è un Nazionale, adesso si è messo a disposizione con un piglio diverso e sono felice che si sia sbloccato con un ulteriore gol».

 

Serie B: Benevento e Perugia, che stecche!




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X