Quantcast
facebook rss

Ascoli a Cosenza, Sottil con il dubbio Dionisi:
«Da sabato inizia un nuovo percorso»

SERIE B - Il capitano bianconero ha accusato un problema muscolare, ma il tecnico piemontese non vuole alibi: «Serviranno concentrazione e cattiveria agonistica, voglio lo stesso spirito di Terni. Il 4-3-2-1 è una variante da considerare, ma scioglierò domani gli ultimi dubbi»
...

di Salvatore Mastropietro

 

Il rientro in campo si avvicina e in casa Ascoli c’è grande voglia di cominciare il girone di ritorno nello stesso modo in cui si è chiuso quello di andata: vincendo e convincendo. Su un campo ostico come il “San Vito-Marulla” di Cosenza, dove lo scorso aprile la squadra di Sottil cadde in modo deludente (per poi riprendere la corsa salvezza dalla partita successiva), non sarà affatto facile. E questo soprattutto per il recente momento vissuto dalla formazione di mister Occhiuzzi, a secco di vittorie da otto giornate e reduce da un paio di settimane caratterizzate dall’emergenza Covid.

Andrea Sottil

I bianconeri arriveranno al match in un clima relativamente migliore rispetto ad una settimana fa. Mister Sottil potrà contare sui recuperi di almeno un paio di elementi, che garantiranno più scelte dall’inizio e gara in corso. La notizia negativa che arriva dal “Picchio Village”, tuttavia, riguarda il capitano Federico Dionisi, che dopo aver saltato la partita di Terni per squalifica potrebbe essere costretto a fermarsi per un problema muscolare. Da valutare le sue condizioni, ma le sensazioni non sono positive.

Capitan Dionisi in dubbio

Assenze a parte, il tecnico bianconero, che ha già rilasciato ai microfoni del club le consuete dichiarazioni prepartita, vuole dai suoi una prestazione che vada a ricalcare quanto fatto a Terni una settimana fa: «La partita di Terni mi è piaciuta molto, soprattutto per come ci siamo arrivati e per come i ragazzi hanno giocato a calcio con personalità. La cosa che ho apprezzato meno è, come sempre, quella dei gol subiti, che si potevano evitare. Andiamo a Cosenza recuperando qualcuno, abbiamo l’obbligo di andare a fare una partita sul solito filo conduttore, a partire dall’aspetto mentale».

A livello di formazione, il dubbio di mister Sottil riguarda se dare fiducia agli undici schierati a Terni oppure se effettuare qualche cambio: «Dare continuità di formazione è una mia priorità, anche se poi con i cinque cambi e con alternative di qualità si può valutare di fare dei cambiamenti. Come sempre faremo l’ultimo allenamento domani e poi deciderò. Le idee sono chiare, ma devo valutare due o tre situazioni».

Tsadjout guiderà ancora l’attacco

Dal punto di vista tattico, il 4-3-2-1 è diventato ormai un’opzione concreta: «Il 4-3-1-2 ci ha dato tanto nell’ultimo anno, è un sistema di gioco che ho scelto per adattarmi alle caratteristiche dei giocatori che avevo a disposizione. A me però piace avere delle alternative, una squadra deve avere delle varianti a seconda di quello che accade nella partita. A Terni abbiamo fatto bene con questo sistema di gioco, motivo per cui domani dovrò ragionare anche su questo».

I bianconeri arrivano al “San Vito-Marulla” di Cosenza, dove i padroni di casa hanno conquistato 13 dei 16 punti raccolti fin qui: «Noi iniziamo un nuovo percorso verso il nostro obiettivo, dobbiamo archiviare tutto quello che abbiamo fatto nel girone d’andata. Il Cosenza è allenato da un ottimo allenatore, che ha costruito una squadra organizzata in un ambiente abituato a lottare. In casa hanno un rendimento di livello e per tutti questi motivi dovremo avere una concentrazione e una cattiveria agonistica che ci permettano di dare continuità. Sarà una partita dura e ostica, ma penso che noi arriveremo con il piglio giusto. Ci vuole la “clava”, il contrasto e tutto quello che ci ha sempre contraddistinto».




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X