Quantcast
facebook rss

Verso Ternana-Ascoli:
“Liberati” aperto ai tifosi bianconeri,
ma gli Ultras non saranno presenti

SERIE B - La chiusura dei settori ospiti decisa dalla Lega B scatterà dalla giornata di sabato e non riguarderà l'anticipo, che vedrà i bianconeri sul campo degli umbri. Il Picchio è in emergenza numerica tra positivi e infortunati. Caligara: «Rosa corta, ma chi scenderà in campo darà tutto»
...

di Salvatore Mastropietro

 

Ternana-Ascoli si avvicina e nell’ambiente bianconero c’è grande curiosità di vedere come la squadra di mister Sottil si approccerà al nuovo anno solare dopo oltre tre settimane di pausa, condizionate prevalentemente dalla problematica Covid. Prima della sosta il Picchio era reduce da due ko (contro Cittadella e Cremonese), che aveva acceso qualche piccola spia di allarme – specialmente quella della riserva, con diversi calciatori arrivati un po’ scarichi mentalmente e fisicamente dopo un mese di novembre diametralmente opposto a livello di rendimento.

Per la prima volta in stagione l’Ascoli dovrà fare a meno di capitan Dionisi

Ripartire con il piede giusto è dunque fondamentale, ma l’emergenza indisponibili attualmente attiva in casa Ascoli non aiuta di certo. Mister Sottil dovrà fare a meno di 7 calciatori causa Covid, a cui si andranno ad aggiungere i tre squalificati (Botteghin, Eramo e Dionisi) e qualche acciaccato da valutare. Se ne capirà più domani, quando la società bianconera comunicherà la lista dei calciatori a disposizione, che comprenderà anche il partente (direzione Feralpi Salò in prestito secco) Manuele Castorani. Non ci sarà, invece, l’ultimo arrivato Nicola Falasco (ufficialità attesa ad ore), che deve infatti scontare una giornata di squalifica per il rosso rimediato nell’ultimo match disputato con la maglia del Pordenone.

Oggi, mercoledì 12, al “Picchio Village” è stata predisposta dallo staff tecnico una seduta tattica. Si continuerà a lavorare domani mattina con la consueta rifinitura prepartita, a cui farà seguito la partenza per Terni.

Potranno recarsi in terra umbra anche i tifosi del Picchio. Il nuovo provvedimento sulla capienza negli stati varato dalla Lega B, che prevede un limite di 5.000 spettatori e settori ospiti chiusi, entrerà in vigore dalla giornata di sabato 15 gennaio. Per il match tra Ternana e Ascoli, in programma venerdì sera, occorrerà dunque rispettare solo le attuali disposizioni governative: capienza al 50%, obbligo di Green Pass e mascherine FFP2.

Al “Liberati”, tuttavia, non è comunque prevista una presenza massiccia di tifosi bianconeri. Gli Ultras 1898 e gli altri gruppi della Nord hanno comunicato, infatti, che non saranno presenti al seguito del Picchio nelle gare contro Ternana e Cosenza: «Ci riserviamo di monitorare – si legge nella nota pubblicata sui social – decreti e applicazioni normative per valutare la linea di condotta da tenere per il proseguo del campionato».

Caligara con mister Sottil

CALIGARA – A due giorni da Ternana-Ascoli, in casa bianconera ha parlato ai microfoni del club il centrocampista Fabrizio Caligara, che torna a disposizione dopo aver saltato nel ultime tre partite del 2021: «È stato un peccato chiudere il 2021 così, anche se avremmo avuto altre due partite per concludere l’anno in un’altra maniera, ma a causa del Covid e dello stop è terminato con una sconfitta. È stato un anno positivo e dobbiamo continuare su quella lunghezza d’onda che ha caratterizzato la prima parte della stagione. Ci siamo ritrovati a gennaio con le stesse aspettative che avevamo a luglio, abbiamo la stessa fame, anzi, vogliamo fare ancora meglio. Sì, il Covid è imprevedibile, ma siamo arrivati a un punto in cui dobbiamo essere bravi a conviverci, è difficile perché capita che fino a due giorni prima della partita sei positivo e poi devi giocare».

Sulla partita di venerdì: «A Terni sarà una partita difficile come tutte, l’abbiamo preparata facendo attenzione ai minimi dettagli, peccato che purtroppo abbiamo la rosa corta per via delle defezioni per Covid e per squalifiche, ma chi scenderà in campo darà tutto quello che ha. Carattere e temperamento saranno importantissimi anche perché siamo reduci da venti giorni di inattività, quindi non sarà neanche facile tenere il ritmo tutta la partita. Affrontiamo ogni gara con l’intento di portare a casa i tre punti, la mentalità è sempre la stessa, cercheremo di mettere in campo quello che ci ha chiesto il Mister individuando le carenze dell’avversario».

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X