Quantcast
facebook rss

Cresce senza sosta il numero di cuori bianconeri pronti a partire, Bellusci: «A Parma sarà come giocare in casa»

SERIE B - A due giorni dalla fine della prevendita, il dato parziale di biglietti venduti per il settore ospiti è di circa 1200 ed è pronto a salire di alcune centinaia. Il difensore cresciuto nel Piceno esalta la passione dell'ambiente: «Si sta ricreando quell'alchimia squadra-tifosi dei bei tempi. Ero convinto a gennaio che questo fosse il momento giusto per tornare»
...

 

di Salvatore Mastropietro

 

Il dato di biglietti venduti per il settore ospiti in occasione di Parma-Ascoli continua a crescere senza sosta. Sono circa 1200 i tagliandi staccati per il momento, quando mancano poco meno di due giorni alla fine della prevendita (c’è tempo fino alle 19 di domenica). Sarà un vero e proprio esodo quello del popolo bianconero nella città emiliana, considerando che il numero complessivo potrebbe salire ancora di qualche centinaia.

Peppe Bellusci

 

Sarà una trasferta che riporta alla mente tante memorabili avventure vissute lontano dal “Del Duca”, alcune più recenti e altre ben più distanti nel tempo, ma che ha come comun denominatore quella passione tipica della piazza ascolana. Passione che conosce bene Peppe Bellusci, che in pochi mesi dal ritorno in riva al Tronto si è riconfermato come uno dei leader sia in campo sia a livello ambientale.

 

Il difensore nativo di Trebisacce, ascolano a tutti gli effetti, ha parlato a tre giorni dal match del “Tardini”, mettendo l’accento sulla bella atmosfera che si è creata nelle ultime settimane grazie al sogno (ormai sempre più vicino ad essere realtà) playoff: «E’ bello tornare a vivere quella passione, che ha sempre contraddistinto questa piazza, finalmente dopo tanti anni di buio stiamo facendo tutti qualcosa di importante, a partire dalla società fino al mister, ai giocatori e soprattutto ai tifosi, che stanno tornando in massa e stanno facendo sentire l’amore che provano per la squadra. Lo hanno fatto alla Corte del Sole prima della partita col Pordenone e dopo la partita con la Reggina, si sta ricreando quell’alchimia squadra-tifosi che nei bei tempi c’è stata e ha portato tante soddisfazioni in ogni luogo.

 

Ancora sull’affluenza del tifo bianconero al “Tardini”: Nello spogliatoio c’è stato qualche riferimento ai numeri importanti, che continueranno a crescere nelle ultime ore, siamo convinti che a Parma sarà come giocare in casa. I tifosi stanno dimostrando grande attaccamento e tanta passione. Credo che negli ultimi anni, complici le difficoltà della squadra e quelle legate al Covid, tanti giocatori non abbiano visto realmente le capacità del tifoso ascolano. Sì, posso raccontarle, ma quando le vivi è un’altra cosa, l’esperienza rende davvero particolari le situazioni. Tanti ragazzi si stanno rendendo conto di cos’è il tifo ascolano e di quanto amore c’è in questa piazza»

 

Nel rush finale di stagione il primo ostacolo è il Parma dell’ex Iachini: «Iachini è un allenatore navigato, ha fatto molti anni in B e ha vinto tanto, sarà una partita molto difficile perché il Parma ha un po’ steccato l’obiettivo iniziale, quindi proverà a chiudere il campionato in bellezza e fare più punti possibile, sarà una partita tosta».

 

Bellusci, dal suo ritorno all’Ascoli, ha disputato 14 partite, 9 in coppia con Botteghin, 5 con Quaranta: «Eric non lo scopro io, ha una carriera importante, arrivava qui da un calcio diverso, ma è stato molto bravo ed intelligente a calarsi immediatamente nelle richieste dell’allenatore. Ho avuto la fortuna di giocare due anni in Inghilterra, un calcio simile a quello olandese, in cui ha giocato Eric, ma molto diverso da quello italiano. E’ stato difficilissimo l’adattamento per me che arrivavo dall’Italia, figuriamoci come lo è stato per un ragazzo che non parlava la lingua ed era reduce da principi e idee calcistiche totalmente differenti dalle nostre. Per questo va fatto un applauso ad Eric, grande professionista e grandissima persona, sta disputando un ottimo campionato. Danilo Quaranta per me è un giocatore fortissimo, l’ho detto anche dopo la partita di Cosenza, la prima che abbiamo giocato insieme, deve crescere in alcuni aspetti e deve farlo velocemente perché ha l’età giusta per imporsi in un campionato come questo».

Bellusci e mister Sottil

 

Il difensore bianconero ha raccontato anche i giorni che hanno preceduto il suo ritorno all’Ascoli. La sua è stata una scelta voluta, ma che aveva incontrato le perplessità della famiglia: «Io ero convinto della scelta di Ascoli dopo Monza; a non essere convinti erano gli amici, la famiglia, il procuratore. Noi, che siamo di Ascoli e conosciamo la realtà, sappiamo che nell’ultimo periodo c’è stato il ritorno di Gigi Giorgi, mio grandissimo amico, il suo è stato un ritorno sfortunato, per via degli infortuni, per il periodo calcistico, per le difficoltà della squadra e ha pagato a caro prezzo la scelta di cuore. Le scelte di cuore a volte fanno male, ma io ero convinto che era il momento giusto e avevo voglia di tornare a casa mia dopo tanto girovagare. Avrei voluto farlo anni prima, ma non c‘erano stati i presupposti, che invece si sono verificati quest’anno. Ed è bastato un minuto per rifare il matrimonio».

 

Col Monza ha assaporato anche la gioia di indossare la fascia di capitano, complici le assenze di Dionisi, Leali, Eramo: «Purtroppo il risultato non è andato come desideravo. Per me è un’emozione grande, al di là della fascia, ogni volta che scendo in campo con la maglia che sognavo da bambino e con la squadra per cui faccio il tifo. E’ sempre un’emozione, la fascia è qualcosa in più, ma abbiamo i senatori, gente che l’ha indossata e ha fatto bene per il gruppo e ha fatto bene fuori dal campo, non mi permetterei mai di intaccare un tale prestigio, è giusto che ci siano delle gerarchie».

 

PICCHIO VILLAGE – Prosegue la preparazione dei bianconeri per il match di lunedì con il Parma (calcio d’inizio alle ore 18 al “Tardini”). Oggi pomeriggio la squadra ha svolto la seduta di allenamento allo stadio “Del Duca”: mister Sottil ha impegnato il gruppo in una partita in famiglia a tutto campo. Domani la sessione di lavoro è programmata per le 10,30, sempre sul terreno di gioco dello stadio.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X