Quantcast
facebook rss

L’Ascoli ritrova Collocolo in vista del Como, Eramo: «Dobbiamo cambiare passo al “Del Duca”»

SERIE B - La Corte d'Appello della Figc ha accolto il ricorso del club bianconero: il centrocampista ex Cesena sarà a disposizione domenica. Il mediano pugliese, tra i leader dello spogliatoio, fa il punto della situazione: «Peccato non aver portato via i tre punti da Bolzano. Dobbiamo tornare a far valere il fattore campo»
...

 

di Salvatore Mastropietro

 

In casa Ascoli sta entrando via via nel vivo la preparazione in vista del prossimo impegno di campionato, in programma domenica 4 dicembre alle ore 15 contro il Como. Per il match del “Del Duca” i bianconeri possono sorridere per una buona notizia arrivata in giornata: la Corte Sportiva d’Appello Nazionale della FIGC ha accolto il reclamo presentato dall’Ascoli contro la squalifica inflitta a Michele Collocolo a seguito dell’espulsione ricevuta nel corso di Ascoli-Frosinone. Il provvedimento disciplinare è stato ridotto ad un turno di squalifica (già osservato nel corso della trasferta di Bolzano), a cui è andata ad aggiungersi un’ammenda di 5.000 euro.

 

Collocolo (foto Ascoli Calcio)

La mezz’ala pugliese, dunque, sarà a disposizione di mister Bucchi e andrà a giocarsi il posto con Amato Ciciretti, apparso a suo agio a centrocampo nel match del “Druso”. Il tecnico bianconero spera di recuperare anche Gondo e Falasco, due pedine piuttosto importanti nello scacchiere tattico.

 

Nella settimana che conduce all’impegno contro i lariani, in casa Ascoli ha parlato Mirko Eramo, uno dei leader dello spogliatoio ed uno dei più positivi nell’ultimo mese e mezzo. L’esperto mediano classe 1987 ha fatto il punto della situazione, partendo dalla prestazione di domenica contro il Sudtirol: «A fine gara c’era rammarico per essere andati due volte in vantaggio e non aver portato i tre punti a casa, punti che sarebbero stati importanti per noi, ci avrebbero dato uno slancio in classifica e fatto trovare in una posizione migliore. E’ stata una partita combattuta, la classica gara di Serie B, siamo andati in vantaggio subito e forse lì avremmo dovuto spingere sull’acceleratore perché il Sudtirol era in difficoltà; poi gli avversari a inizio ripresa hanno trovato il pareggio… peccato perché poi siamo andati nuovamente in vantaggio, ma abbiamo incassato il gol del pari in modo un po’ stupido. Personalmente mi sono trovato bene con tutta la squadra non solo con i centrocampisti, l’importante è che in questo momento ognuno dia il suo contributo. Ciciretti, alla prima da titolare, credo si sia comportato benissimo, tutti in questo momento siamo importanti, ci sono tante partite da qui alla sosta e ci sarà bisogno di tutti».

 

Mirko Eramo (foto Ascoli Calcio)

A Bolzano è iniziato il mini campionato bianconero, da qui alla sosta mancano tre match in casa e due in trasferta: «Ora dobbiamo cambiare passo soprattutto in casa e tornare a far valere il fattore campo con l’aiuto dei tifosi, in trasferta siamo già una squadra fastidiosa. Da domenica dobbiamo cercare di portare i tre punti a casa, ce la metteremo tutta».

 

Sul Como prossimo avversario: «Non dobbiamo farci ingannare dalla classifica, il Como ha una rosa di livello altissimo, composta da calciatori che hanno militato in Serie A, che hanno vinto coppe del mondo, quindi dobbiamo tenere le antenne dritte, sarà una partita difficilissima, dobbiamo portarla a casa in tutti i modi. I pareggi, come diciamo fra noi, hanno importanza se poi riesci a ottenere una vittoria. Anche guardando le altre squadre è difficile vincere in questo campionato, spesso le gare terminano in pareggio, ma quando riesci a vincere ti accorgi dell’importanza dei pareggi ottenuti. Quindi dobbiamo continuare su questa striscia positiva cercando di ottenere l’intera posta in palio».

 

La chiusura è sul suo rendimento personale: «Cerco sempre di dare il mio contributo, so d’essere nello spogliatoio un punto di riferimento per i più giovani e con un consiglio per i più grandi, cerco sempre di dare il massimo e spero di dare sempre il mio contributo».

 

LEGA B – La Lega Serie B e la Fondazione “Fioravante Polito” scendono in campo anche questa stagione per  onorare la memoria di Piermario Morosini, Andrea Fortunato, Carmelo Imbriani e Flavio Falzetti, scomparsi prematuramente a causa di malattie all’apparato cardiocircolatorio, ai quali è intitolato il “passaporto ematico”. Dopo il rinnovo del Protocollo d’intesa per la s.s. 2022/2023, è il momento di sensibilizzare e manifestare nuovamente in maniera concreta l’impegno assunto dal presidente Mauro Balata a sostegno del presidente Davide Polito per la tutela della salute degli atleti. Per l’occasione, durante la 15esima giornata della Serie B, i capitani delle venti società indosseranno le fasce speciali della “Fondazione Polito” come simbolo per un futuro sano e sicuro a tutti gli sportivi. La Lega B intende veicolare un messaggio che inviti coloro i quali intendano praticare attività sportiva ad avere cura di sé e della propria salute:

Vogliamo che lo sport sia sicuro per il bene di tutti gli atleti  ha dichiarato il presidente Balata -. I valori che la Fondazione Polito porta avanti da tempo si coniugano perfettamente con quelli che contraddistinguono la nostra Lega. Per tale ragione, anche quest’anno, continuiamo a sostenere la fondazione affinché il futuro delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi possa essere maggiormente tutelato mediante gli esami clinici previsti dal protocollo, in tal modo riducendo il rischio di eventuali complicazioni”.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X