Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Graziella Ciriaci
facebook rss

Maria Stella Origlia (Italia Viva): «La Sanità regionale è in tilt»

ASCOLI - Per la coordinatrice provinciale «è ormai prossima al collasso come dimostrano le numerose segnalazioni di cittadini, che hanno difficoltà ad eccedere ai servizi di diagnosi e cura, e operatori del settore. Il sindaco Fioravanti rivendichi ciò che il suo partito aveva promesso al popolo del Piceno e agli ascolani: basta essere la cenerentola delle Marche»
...

Gli ospedali “Mazzoni” di Ascoli e “Madonna del Soccorso” di San Benedetto

 

«Che la situazione della Sanità sia ormai prossima al collasso lo dimostrano non solo le numerose segnalazioni da parte di cittadini, che riscontrano diverse difficoltà ad accedere ai servizi di diagnosi e cura, ma, altresì, i disperati appelli di lavoratori del settore che si rivolgono oramai con seria preoccupazione alle forze politiche del territorio affinchè siano ascoltati la loro voce e il loro grave disagio».

 

Maria Stella Origlia

Ad affermarlo è l’ascolana Maria Stella Origlia, coordinatrice provinciale di Italia Viva, che aggiunge: «Il dibattito politico recentemente perde di vista il vero punto della questione, ovvero il malato, i suoi bisogni, le difficoltà di accesso alle cure, l’inadeguata distribuzione dei servizi, la necessità di ricorrere troppo spesso alle strutture private per avere risposte in tempi congrui e si concentra al contrario su questioni attinenti la riconfigurazione delle strutture territoriali, le nuove Ast, su diatribe concernenti atti di nomina di direttori e dirigenti di strutture, peraltro stucchevoli visto che si sviluppano internamente alla stessa maggioranza della Regione Marche. 

 

Questa compagine politica – prosegue – ha vinto le elezioni regionali indirizzando la maggior parte della campagna elettorale sulla questione Sanità. Nello specifico si annunciava l’abbattimento delle liste di attesa, che, da quanto si apprende, si sono ulteriormente allungate. Dopo più di due anni non si vedono miglioramenti nell’organizzazione della tanto sbandierata medicina territoriale, non si fanno assunzioni ma si ricorre a personale in pensione, preferendo il potenziamento del privato piuttosto che investire su risorse pubbliche. Si registrano altresì problemi con il fascicolo sanitario elettronico con non pochi disagi per la consultazione e il ritiro dei referti. Nei reparti dei due ospedali del Piceno primari e personale sanitario devono coprire turni impossibili.

 

Il nuovo “Piano Socio Sanitario” è ancora al palo – aggiunge – e nulla è stato realizzato di quanto promesso in campagna elettorale, se non la cancellazione tramite un atto di alcuni nuovi ospedali e l’avvio di una riorganizzazione amministrativa che anzichè risolvere i tanti problemi dei cittadini sta finendo di paralizzare il sistema. Diverse persone ci hanno chiamato riferendo che ad oggi mancano gli slot per prenotare una ecografia mammaria o una mammografia, ovvero non è data nessuna disponibilità.

 

A due anni e mezzo dalle elezioni regionali – è ancora l’esponente di Italia Viva a parlare – abbiamo assistito ad una smobilitazione della giunta con assessori che hanno preferito abbandonare il mandato assegnato loro dai cittadini marchigiani per un seggio in Parlamento. Il tema Sanità non si affronta solo con la gestione dei punti di potere, ampliati anche dal nuovo disegno delle strutture amministrative e dirigenziali sul territorio. Occorrono competenze elevate in ordine ad organizzazione di un sistema così complesso e pluridisciplinare; occorre più attenzione alla prevenzione, alla scienza medica, ai malati, al personale sanitario allo strenuo, ai servizi ai cittadini.

 

Con l’occasione – conclude Maria Stella Origlia – visto che i cittadini vengono prima di tutto, e considerato che fra poco più di un anno va al voto anche la città di Ascoli, chiediamo a Marco Fioravanti, sindaco della città capoluogo, di rivendicare ciò che il suo partito aveva promesso al popolo del Piceno e agli  ascolani. Ovvero una Sanità migliore per non dover essere più la cenerentola delle Marche».

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X