Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Graziella Ciriaci
facebook rss

Sarà annullata la procedura per l’attribuzione degli incarichi di funzione, Carignani: «Atto dovuto»

ASCOLI - La commissaria straordinaria annuncia che provvederà in tal senso «in quanto esisterebbe un conflitto tra gli atti adottati dall’ex Area Vasta 5 tra ottobre e dicembre 2022 e le norme inderogabili per le pubbliche amministrazioni tra cui, la principale è quella sulla compatibilità finanziaria»
...

 

Vania Carignani

 

Dalla sospensione all’annullamento degli incarichi di funzione in Ast Ascoli, il passo non solo sarà breve ma anche «un atto dovuto». E’ la stessa Vania Carignani, commissaria straordinaria della Sanità picena, ad annunciare il prossimo passo e ne spiega i motivi.

 

Carignani: «L’avvio del procedimento di riesame per annullamento d’ufficio degli atti riguardanti l’assetto degli incarichi di funzione dell’ex Area Vasta 5 è un atto dovuto e non discrezionale e serve a conformarsi ad un parere espresso dall’organo di controllo amministrativo-contabile».

 

«L’organo competente – prosegue – ci ha invitato a provvedere in quanto esisterebbe un conflitto tra gli atti adottati dall’ex Area Vasta 5 tra ottobre e dicembre 2022 e le norme inderogabili per le pubbliche amministrazioni tra cui, la principale è quella sulla compatibilità finanziaria».

In particolare, si legge ancora nella nota di Ast Ascoli, l’iter giuridico seguito, la non corretta applicazione degli istituti contrattuali in materia, la mancanza del contratto integrativo certificato per la finalizzazione del fondo dedicato alla copertura degli incarichi di funzione, non solo non consentono di procedere con l’iter intrapreso, ma impongono all’amministrazione un necessario annullamento d’ufficio.

La mancanza di compatibilità economica dell’assetto così definito comporta per i “vincitori” una indeterminatezza di diritti (alcuni conferimenti sono in atti definiti “eventuali”) nel se e nel valore economico correlato.

«E’ innegabile che la definizione degli incarichi di funzione sia elemento strategico per il buon funzionamento dei servizi, individuando specifiche responsabilità all’interno dell’organizzazione – spiega ancora Carignani – ma proprio per questo devono essere individuati secondo l’unico percorso previsto dalla norma per le pubbliche amministrazioni.

Dobbiamo costruire un assetto in coerenza con le previsioni del nuovo Ccnl del comparto sanità  che, dal 2023, ridefinisce gli incarichi, sia in termini di tipologie che di valori economici valorizzando complessità e strategicità».

«Investire in questo percorso – conclude – darà garanzia di stabilità e trasparenza ai dipendenti responsabili di incarico.

In attesa della riorganizzazione aziendale la norma prevede il mantenimento dell’attuale assetto, in prorogatio da 4 anni, quindi da ben prima dell’insediamento della nuova gestione dell’Ast».

 

A febbraio, in Tribunale, dove Ast Ascoli era stata chiamata dai sindacalisti di NurSind, Usb «per condotta antisindacale sull’attivazione della procedura per l’affidamento di incarichi di funzione e di organizzazione», era stata decisa la sospensione.  

 

Dura l’immediata reazione dei rappresentanti dei lavoratori di Cgil, Cisl, Uil funzione pubblica, Ugl Salute, Fials e la maggioranza della Rsu che hanno utilizzano termini come paradossale, per la decisione di sospendere la procedura di affidamento degli incarichi, e catastrofica per la stessa Ast.

Anzi, Cgil, Cisl e Uil funzione pubblica, Ugl Salute e Fials, hanno anche inviato una lettera alla commissaria, affinché si astenga dall’emettere «qualsiasi provvedimento teso alla revoca o all’annullamento degli incarichi di funzione e contestualmente a procedere all’attribuzione degli incarichi ai legittimi vincitori di concorso e comunicano che le stesse organizzazioni sindacali si faranno promotrici di un’assemblea sindacale volta alla raccolta di diffide individuali da parte dei diretti interessati delle selezioni interne svolte».

m.n.g.

Blocco degli Incarichi di funzione: «Paradossale e catastrofica decisione di Ast Ascoli»

Stop agli incarichi di funzione, l’Ast chiede tempo per verificare eventuali illegittimità 

Incarichi di funzione, colonna portante della Sanità: nel Piceno ci sono 87 nuovi (o rinnovati) coordinatori, ma sono i più “poveri” delle Marche

Incarichi di funzione, pomo della discordia tra sindacati: «In attesa dell’Ast, dobbiamo prepararci ad una gestione provvisoria»

Incarichi di funzione in Area Vasta 5, ma non tutti sono d’accordo: «Il fondo non è stato contrattato e sono altre le priorità»



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X